L’intelligenza artificiale Midjourney ha disegnato una serie di fumetti e il suo lavoro è impressionante.

Le cronache del Bestiario è una nuova serie a fumetti disponibile in forma completamente gratuita. Si compone di tre parti e racconta la storia di una razza umana sull’orlo dell’estinzione, su un pianeta distrutto e perseguitato da mostri. Tuttavia, la cosa più impressionante è che è che è stato generato da un’intelligenza artificiale..

Campfire Entertainment è la società dietro questa serie di fumetti. Se avete familiarità con questo mondo, probabilmente ne avete sentito parlare. sono riusciti a vincere diversi premi grazie alla loro forte attenzione alla narrazione.

Come hanno fatto a creare una serie di fumetti con intelligenza artificiale? La risposta è nel Midjourney. Sì, l’intelligenza artificiale che ha generato l’immagine che ha vinto il premio in un concorso d’arte. Questa volta, Campfire Entertainment ha fatto molto affidamento su di essa per dare vita a Le cronache del Bestiarioe lo hanno fatto con grande distinzione.

Nelle profondità del sottosuolo, gli ultimi resti dell’umanità si riuniscono per incontrare i mostri che hanno distrutto il loro pianeta.

Intrattenimento al falò

L’intelligenza artificiale diventa il braccio destro degli artisti

La gestione da parte di Midjourney delle immagini prodotte per la Le cronache del Bestiario è impressionante. Nonostante la tendenza delle IA a deformare corpi e volti, la serie di fumetti ci mostra immagini pulite, con una buona composizione, scala e proporzione.. Per esempio, abbiamo i mostri, esseri dai denti lucenti che ricordano un incrocio tra Godzilla e Vhagar.

D’altra parte, l’intelligenza artificiale è riuscito a catturare perfettamente il tono cupo e distopico della storia.. In questo modo, ci offre uno sguardo attualissimo su un fumetto che ricorda le vecchie opere di fantascienza degli anni ’60 e ’70.

LEGGI  Centinaia di autovelox sono stati rubati in Svezia e tutto porta alla Russia e ai suoi droni artigianali.

Steve Coulson, autore della trilogia e direttore di Campfire, ritiene che “Stiamo assistendo all’emergere di uno strumento di visualizzazione completamente nuovo che cambierà radicalmente il processo di narrazione sia nell’industria del fumetto che nell’intrattenimento in generale.“.

Grazie a questo strumento, sia Coulson che il suo team hanno sviluppato Il Cronicario del Bestiario. Questa storia è raccontata in 114 pagine.e mostra l’odissea dell’umanità che affronta mostri frutto della sua stessa tecnologia.

Una tecnologia che cresce in modo esponenziale

Inoltre, Steve Coulson ritiene che, entro il prossimo anno, anche l’occhio più esperto non sarà in grado di distinguere facilmente le differenze tra l’arte generata dall’IA e i metodi più tradizionali. Ecco perché, dice, “è così eccitante e terrificante allo stesso tempo”. Ma non si può rimettere il genio nella bottiglia.Quindi stiamo abbracciando il futuro il più velocemente possibile.

Senza dubbio, l’intelligenza artificiale sta avanzando sempre più velocemente. Non solo sta aggiungendo nuove professioni al suo portafoglio, ma sta anche migliorando i risultati che è già in grado di fornire in ciascuna di esse. Finora abbiamo conosciuto IA in grado di comporre canzoni, scrivere libri e poesie, creare arte visiva, generare video, creare libretti, rilevare malattie; e è solo l’inizio della rivoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *