L’FMI avverte: l’IA colpirà il 40% dei posti di lavoro nel mondo, compresi quelli altamente qualificati

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha dato i numeri della rivoluzione che l’intelligenza artificiale provocherà nel mondo del lavoro. Secondo il suo ultimo rapporto, quasi il 40% dei posti di lavoro a livello mondiale sarà interessato dall’irruzione di questa tecnologia. In alcuni casi, per integrarli. In altri, avverte, per sostituirli.

Il FMI ha definito l’IA “una rivoluzione tecnologica” in grado di aumentare la crescita e i redditi in tutto il mondo. Ma potrebbe anche “approfondire le disuguaglianze”. Secondo l’analisi, l’impatto sarebbe più forte nei Paesi più sviluppati.

Circa il 60% dei posti di lavoro nelle economie sviluppate potrebbe essere interessato dall’intelligenza artificiale. Anche in questo caso, due realtà opposte. Nella metà di questi lavori, in Paesi come gli Stati Uniti o la Cina, la tecnologia aumenterà la produttività. “Nell’altra metà, le applicazioni di intelligenza artificiale possono svolgere compiti chiave che attualmente sono svolti dagli esseri umani”, spiega. il rapporto.

Il FMI stima che ciò ridurrà la domanda di lavoro. Di conseguenza, si assisterà a una riduzione dei salari e delle assunzioni. “Nei casi più estremi, alcuni di questi posti di lavoro potrebbero scomparire”. avverte l’agenzia.

Il FMI avverte del rischio dell’intelligenza artificiale nei lavori qualificati

Illustrazione di un robot umanoide AI

L’impatto dovrebbe essere minore nei mercati emergenti e nei Paesi a basso reddito. L’intelligenza artificiale interesserà rispettivamente il 40% e il 26% dei posti di lavoro.. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, le “perturbazioni immediate” sarebbero minori in questi Paesi, perché mancano le infrastrutture e la forza lavoro qualificata per trarre vantaggio da questa tecnologia.

L’intelligenza artificiale porta con sé questa particolarità. Storicamente, l’automazione e i nuovi sviluppi tecnologici hanno un impatto sui lavori più routinari e poco qualificati. Ma ora anche i lavoratori più qualificati sono a rischio.

LEGGI  Le cuffie di Harry Potter e Xiaomi sono un vero spasso e ora sono profondamente scontate.

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha avvertito di questo rischio in un’altra analisi pubblicata nel luglio dello scorso anno. “Le professioni nel campo della finanza, della medicina e delle attività legali, che spesso richiedono molti anni di istruzione e le cui funzioni principali si basano sull’esperienza accumulata per prendere decisioni, potrebbero improvvisamente essere a rischio di essere automatizzate”, ha spiegato l’OCSE nel suo rapporto Employment Outlook.

Secondo le stime dell’OCSE, il 27% della forza lavoro è ad alto rischio di automazione. a causa dell’emergere di questa tecnologia. Tuttavia, nel suo rapporto l’organizzazione ha chiarito che il cambiamento sarà graduale. Nell’immediato, l’intelligenza artificiale trasformerà i posti di lavoro piuttosto che sostituirli.

Rapporto del FMI su intelligenza artificiale e posti di lavoroRapporto del FMI su intelligenza artificiale e occupazione

Maggiore disuguaglianza

Il fatto che l’impatto sui Paesi a basso reddito sarà minore è una buona notizia solo nel breve periodo. In definitiva, sottolinea il FMI, il ritardo nell’incorporazione dell’intelligenza artificiale “aumenta il rischio che nel tempo la tecnologia possa peggiorare le disuguaglianze tra le nazioni”.

Potrebbe anche aumentare la disuguaglianza all’interno di questi Paesi. Coloro che hanno già studiato il fenomeno sostengono che i lavoratori più giovani potrebbero trovare più facile incorporare i nuovi strumenti nel loro lavoro. “Potremmo assistere a una polarizzazione all’interno delle fasce di reddito: i lavoratori che possono trarre vantaggio dall’IA vedranno aumentare la produttività e i salari, mentre quelli che non possono farlo potrebbero rimanere indietro”, spiega il rapporto del FMI.

Secondo l’agenzia, le disuguaglianze strutturali continueranno a svantaggiare popolazioni specifiche, come le donne. I governi dovrebbero quindi concentrarsi su “migliorare i quadri normativi”, salvaguardando coloro che ne sono colpiti negativamente. Allo stesso tempo, incentivano gli investimenti in infrastrutture digitali e in una forza lavoro competente dal punto di vista digitale.

LEGGI  Come l'intelligenza artificiale sta dominando l'industria della moda cinese

Il fondo sostiene che, se gli aumenti di produttività saranno abbastanza consistenti, i livelli di reddito potrebbero aumentare per la maggior parte dei lavoratori. Insiste sul fatto che l’era dell’intelligenza artificiale è già arrivata: “È ancora nelle nostre mani garantire che generi prosperità per tutti”.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *