L’Europa apre un’indagine su Apple, Google e Meta per sospetta non conformità alla direttiva quadro sulle acque

La Commissione europea ha annunciato che ha aperto un’indagine su Apple, Google e MetaLe tre aziende non stanno rispettando le regole del nuovo Digital Markets Act (DMA), entrato in vigore all’inizio di marzo e volto a prevenire le pratiche monopolistiche delle grandi aziende tecnologiche.

“Sospettiamo che i rimedi proposti dalle tre aziende non siano pienamente conformi al Digital Markets Act”, ha dichiarato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo responsabile della politica di concorrenza, che ha anche confermato che la Commissione Europea ha aperto un totale di cinque indagini nei confronti di Apple, Google e Meta.

In particolare, l’Europa sta indagando su Apple e Google per le loro regole anti-sterzo nei rispettivi negozi di applicazioni.. Questo a causa del divieto che entrambe le aziende impongono agli sviluppatori di app di informare gli utenti su offerte o alternative di acquisto o abbonamento più convenienti al di fuori di App Store e Play Store. È interessante notare che l’UE ha già multato l’azienda di Cupertino dopo che Spotify ha denunciato il divieto imposto alle piattaforme di streaming musicale di informare gli utenti di iPhone sulla disponibilità di alternative e opzioni più economiche al di fuori dell’App Store.

La CE verificherà inoltre se Google stia operando un sistema auto-preferenziale nel suo motore di ricerca a vantaggio dei propri servizi. E ad Apple per la schermata di scelta del browser predefinito che appare quando l’utente accede a Safari.

Meta, da parte sua, sarà oggetto di indagine dal suo “modulo di pagamento o di consenso”.. In altre parole, il modo in cui l’azienda costringe gli utenti a scegliere tra pagare per non utilizzare i loro dati o navigare gratuitamente per raccoglierli.

LEGGI  Una nuova Meta AI è in grado di giocare alla guerra e, soprattutto, di vincere.

L’Europa ha anche in programma di indagare su Amazon e, ancora una volta, su Apple.

Tim Cook con il logo Apple alle spalle

Parallelamente, anche la Commissione europea sta raccogliendo dati per decidere se indagare su Amazon. per aver privilegiato i propri prodotti nel suo negozio.. Anche – di nuovo – ad Apple, per il nuova struttura tariffaria che Cupertino sta implementando per gli sviluppatori che vogliono distribuire applicazioni al di fuori dell’App Store.

Anche l’Europa ha dato a Meta una proroga di sei mesi per rendere Facebook Messenger interoperabile con altre app di messaggistica, che è una delle misure principali della DMA. “La decisione si basa su una disposizione specifica dell’articolo 7(3) della direttiva quadro e fa seguito a una richiesta motivata presentata da Meta. Facebook Messenger rimane soggetto a tutti gli altri obblighi previsti dalla WFD”, ha dichiarato la Commissione europea in un comunicato.

La Commissione europea ha confermato che queste indagini saranno svolte entro un periodo massimo di 12 mesi.. In seguito, se Apple, Google e Meta dovessero risultare aver violato alcune misure del Digital Markets Act, le aziende potrebbero incorrere in una multa pari al 10% dei loro ricavi annuali globali, o al 20% in caso di violazioni ripetute.

Se la CE conclude che ci sono state violazioni sistematiche, potrebbe costringere un’azienda a vendere parte della sua attività o proibirle di acquisire ulteriori servizi legati a questa non conformità.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *