la nascita del gigante tecnologico

Amazon è uno dei marchi più noti in tutto il mondo. Un gigante di Internet che ha iniziato come modesta libreria online in un’epoca in cui lo shopping online era agli albori. Ma la storia di Amazon è piena di sorprese. Oggi è molto più di un e-commerce. Ha una propria piattaforma OTT, Prime Video. La vostra società di produzione di film e serie, Studi Amazon. La vostra struttura pubblicitaria online, Pubblicità su Amazon. Un catalogo di dispositivi con i marchi Echo, Kindle, Fire, Fire TV, Ring y Battito di ciglia. Integrano il proprio assistente virtuale, Alexa. Amazon offre anche una propria linea di prodotti proprietari, Amazon Basics. Un supermercato online, Amazon Fresh. Una propria infrastruttura di server, Servizi Web Amazon. E c’è di più.

Non sorprende che quando si parla di oligopolio tecnologicoAmazon compare nell’elenco delle aziende dominanti insieme a Google, Microsoft y Mela. A commercio elettronico o commercio online, Amazon è il numero uno. Anche se ha grandi concorrenti come il gigante cinese Alibaba. Nei servizi cloud, Servizi Web di Amazon detiene oltre il 33% del mercato. Microsoft seguono con il 22% e Google con il 10%. E in altre aree rivaleggia con grandi aziende come Netflix, Apple o Google. Ma anche con i concorrenti di piccole e medie dimensioni che hanno dovuto unirsi alla Amazon per continuare a esistere.

Sotto il marchio Amazonè possibile trovare praticamente qualsiasi prodotto o servizio di cui abbiate bisogno. E come per altri giganti di Internet, è difficile voltargli le spalle o farne a meno. Prima o poi dovrete acquistare qualcosa dal loro negozio, consumare contenuti dalle loro piattaforme video, audio, libri o audiolibri o, indirettamente, utilizzare la loro infrastruttura di server e database nel cloud. La domanda è: sicome è iniziato tuttoQual è la storia di Amazon nei suoi primi anni?

Un colosso digitale che è ovunque

Dice il pagina La pagina di presentazione di Amazon che “è guidata da quattro principi: un’ossessione per il ossessione per il clientela passione per il innovazionel’impegno a eccellenza operativa e pensare a un a lungo termine“. A parte le controversie, come il fatto che a volte non rispettano i diritti dei loro lavoratori o fanno concorrenza sleale alle aziende più piccole, se guardiamo a ciò che è oggi questo leviatano tecnologico, questi quattro principi sono chiaramente rispettati. Il cliente ha a disposizione tutti i tipi di servizi e prodotti che ruotano intorno a lui. I cambiamenti e le novità sono costanti. Gli ingranaggi di Amazon si muovono quasi perfettamente. E quando leggiamo dei nuovi progetti, vediamo che guardano a dieci o vent’anni nel futuro. Ne è un esempio la ricerca in settori come i droni per le consegne o i robot da compagnia.

Che ci piaccia o no, nel corso della storia di Amazon, questo gigante online ha messo piede in ogni settore, mercato o area in cui si è trovato a operare. considerato strategico. Al momento o negli anni a venire. E la sua efficacia in vendere e consegnare prodotti in tutto il mondo si riflette oggi in qualsiasi azienda o marchio che voglia avere successo nel commercio elettronico. Inoltre, ha cambiato il modo di fare acquisti. Ha cambiato il modo di fare acquisti. Ha reso popolari dispositivi come gli altoparlanti intelligenti e gli e-book. E il suo rivoluzione nel settore della logistica Siamo abituati a ordinare qualcosa online e a riceverlo entro poche ore o il giorno successivo.

LEGGI  Il nuovo display da 48 pollici di Ford ha questo aspetto

I primi anni di Jeff Bezos

Il primo ufficio della storia di Amazon dietro l'ufficio in garage

Dietro a giganti come Amazon c’è una testa pensante. A volte sono figure ermetiche che custodiscono gelosamente la loro privacy. Nella storia di Amazon, Jeff Bezos ha iniziato così. Ma quando è stato incoronato miliardario, la sua vita privata è diventata nota come se fosse un attore, un cantante o un membro della famiglia Kardashian. Il suo divorzio ha fatto il giro dei media. Così come il suo cambiamento fisico. E il suo eccentricità del ricco come la creazione di una società per viaggiare nello spazio per poco più di dieci minuti. Divenne così uno dei primi turisti spaziali.

Ma torniamo all’inizio. Jeffrey Preston Jorgensen è il nome completo di Jeff Bezosil volto visibile di Amazon, il suo fondatore e presidente per molti anni. È nato a Albuquerque, New Mexico, il 12 gennaio 1964. Sua madre, Jacklyn Prestonil cui cognome originale era Giseaveva diciassette anni quando partorì in casa. Suo padre, Ted Jorgensenaveva allora diciannove anni. Quel matrimonio ebbe vita breve. Nel 1968 la madre si sposò di nuovo. Questa volta con Miguel Bezosdi origine cubana, che gli ha dato il cognome che tutti conosciamo. Un altro dettaglio importante nella sua biografia è che il nonno materno di Jeff era Lawrence Preston Gisedirettore regionale della Commissione statunitense per l’energia atomica ad Albuquerque.

La famiglia Bezos ha scambiato Albuquerque per Houston, Texas. Lì, Mike Bezos ha lavorato come ingegnere per Exxon. Si sono poi spostati a Miami, Florida. Il giovane Bezos si è distinto negli studi e si è iscritto all’Università di Miami. Università di Princeton. Inizialmente per studiare fisica, ha poi optato per ingegneria elettrica e informatica. Si è laureato nel 1986, a 22 anni. E con un curriculum accademico ricco di riconoscimenti. Senza andare oltre, la sua laurea in ingegneria è stata summa cum laude.

La nascita di Amazon

Gli inizi di Jeff Bezos su 60 Minutes

Dopo la laurea in ingegneria con lode a Princeton, una delle università più esclusive degli Stati Uniti, a Jeff Bezos è stata aperta ogni possibile porta. Ha ricevuto offerte di lavoro da Intel, Laboratori Bell e altre aziende meno conosciute ma altrettanto importanti. Tuttavia, Bezos ha voluto iniziare con una start-up di tecnologia finanziaria, una fintech chiamata Fitel. I suoi inizi in questo campo e le successive promozioni, in soli due anni, gli hanno permesso di essere responsabile di prodotto presso Bankers Trust. Dal 1988 al 1990. Due anni alla Fitel. Altri due presso Bankers Trust e quattro anni presso D. E. Shaw & Co. A fondo speculativo che si basava su algoritmi per gli investimenti.

Nel 1994, Bezos era già vicepresidente senior di D. E. Shaw & Co. All’età di 30 anni. Lì ha conosciuto sua moglie, MacKenzie Scott. Nella primavera dello stesso anno, entrambi lasciarono l’azienda per fondarne una propria. Da New York a BellevueWashington. È qui che inizia la storia di Amazon. Una libreria online, una tecnologia che stava appena iniziando a decollare. L’idea è nata da Bezos e dalle sue conversazioni con Kohn Ingram y Keyur Patel. Inizialmente, il nome della società doveva essere Cadabradall’espressione Cadabra aperta. Ma, fortunatamente per tutti, è stato lanciato nel 1995 con il nome di Amazon. Nello stesso anno è nato un altro grande rivenditore online, eBay.

LEGGI  Meta Quest 3: specifiche complete, prezzo e data di uscita

Il Nome Amazonispirato al Rio delle Amazzoni, è dovuto al fatto che comprende le lettere A e Z. Il logo suggerisce che è possibile trovare tutto nella sua libreria, dalla A alla Z. Sebbene abbia iniziato con una libreria, Bezos ha presto visto l’opportunità di espandersi verso il settore dei libri. prodotti facili da acquistare online. Prodotti come film, DVD, CD musicali, software per computer, computer o videogiochi.

Un grande successo dalla A alla Z

Amazon Prime non è solo spedizione gratuita

Nei primi mesi di vita, Amazon venduti in tutti gli Stati Uniti. E in più di 45 paesi. La chiave, un sito web minimalista e semplice, la facilità di acquisto e una catalogo infinitoquello dei fornitori. Invece di avere un proprio magazzino come le librerie fisiche. E in due mesi raggiunge i 20.000 dollari a settimana.

Per quanto riguarda l’idea che Amazon sia nata in un garage, non è così al 100%. Sì, era un garage, ma è stato trasformato in un ufficio. E la prima scrivania di Bezos era una porta. Letteralmente. Non per mancanza di soldi. Era più economico comprare una porta che una scrivania. In breve, il Il primo ufficio di Amazon era piuttosto frugale, per non dire squallido. È anche vero che chiese ai suoi genitori 250.000 dollari per finanziare la società. Ma io insisto: Bezos era già maggiorenne, aveva un background precedente e un capitale proprio.

Torniamo alla storia di Amazon. Dopo quei primi mesi di successo nel 1995, nell’ottobre dello stesso anno, nell’ottobre di quell’anno l’azienda iniziò a pubblicizzare. E nel 1997 lancia la sua prima offerta di azioni nella NASDAQ. Nel 1998, Amazon ha effettuato i primi acquisti. IMDbil più grande database cinematografico del mondo. Nel 1999, Jeff Bezos è il Persona dell’anno La persona dell’anno del Times Magazine. Nel 2000 ha cambiato il suo logo con la freccia che punta alla A e alla Z. Poi è arrivato il suo motore di ricerca A9 (2003), Amazon Prime (2005), Amazon S3 (2006) che è stata la base di quello che oggi è Amazon Web Services, Amazon Kindle (2006), Amazon Fresh (2007) o Amazon Music (2007). Il resto è storia. Oggi, Amazon è un gigantesco conglomerato di aziende che si occupano di shopping, intrattenimento, dispositivi elettronici e manutenzione degli ingranaggi che rendono possibile Internet come lo conosciamo.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *