La Francia utilizza l’intelligenza artificiale di Google per combattere l’evasione fiscale

Come si può leggere nel titolo, L’intelligenza artificiale di Google potrebbe essere sul punto di scoprire costruzioni non dichiarate sulla vostra proprietà. Almeno questo è il caso della Francia, dove il governo ha già iniziato a riscuotere le tasse su più di 20.000 piscine non dichiarate a livello nazionale.

Un rapporto di Il Guardian afferma che, in un test limitato del nuovo sistema nel 2021, il governo francese è riuscito a identificare ben 20.356 piscine non dichiarate sul territorio francese.. Sembra quindi che la Francia punterà molto di più su questo nuovo sistema a partire dal 2022. Con essa si intende raccogliere circa 10 milioni di dollari di tasse non riscosse finora.

Per renderlo possibile, le autorità fiscali francesi hanno collaborato con Google e la società tecnologica Capgemini. In questo modo, hanno generato uno strumento in grado di identificare le piscine dalle immagini aeree.. Queste foto vengono poi collegate alla banca dati catastale dell’amministrazione fiscale francese, che ha il compito di indicare il numero di costruzioni dichiarate e non dichiarate.

I proprietari di piscine non dichiarate non saranno le uniche vittime di questa intelligenza artificiale

Anche se il governo francese sembra porre particolare attenzione alle piscine, non è l’unica cosa che ha nel mirino. Secondo il suddetto media, le autorità hanno in programma di espandere il loro software di intelligenza artificiale. In particolare, vogliono anche essere in grado di rilevare pergole permanenti e persino terrazze non dichiarate..

“Ci concentriamo soprattutto sugli ampliamenti delle case, come le verande, ma dobbiamo essere sicuri che il software sia in grado di trovare edifici di grandi dimensioni. [de carbono] e non il canile o la casa dei bambini”.

Antoine Magnant, vicedirettore generale delle Finanze pubbliche francesi.

Durante i test condotti lo scorso anno con questa intelligenza artificiale, il governo francese è riuscito a trovare circa 10 milioni di dollari in piscine non dichiarate. Tuttavia, considerando che la costruzione di piscine aumenterà del 30% nel 2021, Le autorità fiscali sono intenzionate a estendere il programma a livello nazionale..

LEGGI  iRobot presenta il nuovo Roomba Combo j7+, un aspirapolvere e lavapavimenti più intelligente

Tuttavia, c’è ancora un problema con la sua intelligenza artificiale. Come riportato in aprile, lo strumento aveva fino al 30% di possibilità di identificare oggetti come pannelli solari e piscine.. In questo modo, sembra che possa portare le autorità a riconoscere le costruzioni non dichiarate in forme rettangolari non correlate.

Attaccare il problema alla radice

Comunque sia, le cose non si mettono bene per coloro che non hanno segnalato le loro piscine. Dopo tutto, l’intelligenza artificiale non serve solo a dipingere belle immagini. Può anche essere un ottimo strumento per prevenire la commissione di alcuni reati. come l’evasione fiscale.

Le piscine non dichiarate non sono un problema solo quando si tratta di catalogare correttamente il valore degli immobili. Inoltre, sono una seria minaccia per l’approvvigionamento idrico in diverse parti del mondo.. Secondo Julien Bayou, segretario nazionale di EELV (Europa-Ecologia-Green), i francesi hanno bisogno di “un rapporto diverso con l’acqua”. Dopo tutto, questo paese europeo è il secondo mercato per le piscine private, dopo solo gli Stati Uniti.

La sfida non è vietare le piscine, ma garantire il nostro fabbisogno idrico vitale.

Julien Bayou, segretario nazionale di EELV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.