Instagram fa un pasticcio con “Created with AI” e può mettervi nei guai

Una delle ultime invenzioni di Meta sta creando scompiglio sui profili di molti utenti. Il nuovo ‘Creato con AIdi Instagram e Facebook non funziona come dovrebbee già migliaia di immagini sono state erroneamente segnalate a causa della nuova AI proprietaria di Meta.

Entrambi i social network, infatti, hanno lanciato questa nuova funzione per dare trasparenza e chiarezza a queste immagini di dubbia provenienza. o con parti generate da un’intelligenza artificiale. Il risultato è ben lontano da quello che ci si aspettava, si sta rivelando disastroso e più di un utente ha visto per giorni come Instagram o Facebook stiano marcando i loro fotografie reali con l’etichetta “Creato con l’AI”.

Il motivo? Tutto fa pensare che L’intelligenza artificiale di Meta non è in grado di distinguere tra un’immagine reale e un’immagine generata dall’intelligenza artificiale.. E l’esempio lampante è rappresentato da tutti quei post taggati che includono chiaramente fotografie reali. Anche se l’intelligenza artificiale generativa funziona bene, nella maggior parte dei casi un utente medio è in grado di distinguere tra il reale e il fittizio.

Cosa sta succedendo con il “Created with AI” di Instagram?

Sembra che questa confusione di Meta AI stia incasinando le cose. Gli utenti, quando caricano un’immagine o un video, possono ora aggiungere manualmente il tag “Creato con l’AI”, ma il social network stesso può anche inserirlo automaticamente. se ritiene che il contenuto sia stato generato da un’intelligenza artificiale.

A sinistra unimmagine chiaramente generata dallintelligenza artificiale senza etichetta A destra unimmagine reale con la dicitura Created with AI

E qui sta il problema: non sa come farlo bene. Alcune fonti sostengono che questo fallimento derivi da ritocchi fotografici come filtri di colore, modifiche della saturazione, ecc. Sembra che l’intelligenza artificiale non sappia distinguere tra una creazione completamente artificiale da un’immagine reale con un filtro..

LEGGI  Nothing Ear (Stick): il design più iconico, ora in forma cilindrica.

Un buon esempio è la precedente pubblicazione dell’influencer Jaume Lahoz. Nel carosello è possibile vedere diverse fotografie completamente reali e un video, anche se si intravedono alcuni ritocchi di colore per migliorare l’immagine. La pubblicazione reca la dicitura “Created with AI” (visibile solo dall’app), mentre in realtà è contenuto proprio e reale.

Pertanto, lo strumento che dovrebbe far luce sulle immagini di IA non fa altro che creare maggiore confusione e mettere in difficoltà più di un utente. Per il momento, non sembra esserci una soluzione chiara né la possibilità di rimuovere questo tag se Instagram o Facebook lo aggiungono da soli.

Tuttavia, osservando altri post etichettati in modo errato, è possibile notare che molti di essi sono ritoccati e presentano colori altamente saturi, dettagli spesso utilizzati dall’IA per rendere le proprie creazioni più appariscenti.. La nostra raccomandazione, se state per caricare qualcosa e non volete questo tag, è di ritoccare l’immagine dall’applicazione stessa di Instagram.. Oppure, che non venga ritoccata.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *