Il robot chirurgico utilizza i magneti per operazioni meno invasive

Un ospedale pubblico cileno ha appena testato un robot chirurgico che utilizza potenti magneti per eseguire operazioni meno invasive. Il dispositivo offre all’équipe medica maggiore precisione ed efficienza. E al paziente, meno dolore e migliore recupero. Quella del Cile è la prima implementazione internazionale, dopo l’approvazione per l’uso commerciale negli Stati Uniti lo scorso settembre.

Questo robot chirurgico, chiamato MARS, è stato progettato da Levita Magnetics, una startup della Silicon Valley. Il chirurgo cileno Alberto Rodriguez-Navarro ne è il fondatore. Il sistema è stato sviluppato per interventi addominali di grande volume, tra cui interventi bariatrici laparoscopici, colecistectomia (cistifellea), prostata e interventi colorettali.

Il robot ha due bracci: uno con la telecamera e uno con il magnete. Entrambi sono manovrati dall’équipe medica. Per utilizzarlo, i chirurghi devono inserire un altro piccolo magnete negli organi interni del paziente.. In questo modo, possono muovere il braccio robotico magnetico sul ventre e manipolare gli organi e i tessuti.

“Questa tecnologia rivoluzionaria può dare ai chirurghi un maggiore controllo e una migliore visualizzazione, riducendo al contempo il numero di incisioni”, spiega Rodriguez-Navarro. Questa settimana il robot chirurgico ha assistito con successo all’asportazione della cistifellea, eseguita presso l’ospedale Luis Tisné di Santiago del Cile.

Levita Magnetics sostiene che il robot chirurgico ha la capacità di raddoppiare il numero di interventi giornalieri. Secondo l’azienda, questo è l’unico dispositivo medico approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (FDA) che utilizza magneti per gli interventi chirurgici.

Il primo robot chirurgico con magneti

Il sistema “ha il potenziale per giocare un ruolo fondamentale nel rimodellare il panorama delle procedure addominali”, ha dichiarato in un comunicato stampa. dichiarazione Matthew Kroh, vicepresidente del settore innovazione e tecnologia della Cleveland Clinic negli Stati Uniti. “MARS rappresenta un notevole progresso e fa parte del percorso di miglioramento della chirurgia minimamente invasiva…. È straordinariamente facile da usare.

Il robot chirurgico offre ai medici il pieno controllo della vista laparoscopica, riducendo la necessità di un assistente aggiuntivo. Inoltre, l’azienda fa notare che il sistema, privo di console, ha un ingombro ridotto, a tutto vantaggio di ospedali e centri chirurgici ambulatoriali.

La robotica sta trasformando le procedure mediche in varie parti del mondo. Un sistema simile ha già ha già operato più di 280 pazienti affetti da cancro al Northampton General Hospital di Northampton, in Inghilterra. (NGH) in Inghilterra. Il suo nome è “Da Vinci XI”. ed è stato utilizzato per la chirurgia della prostata, dell’utero, del retto e dell’intestino e per i tumori della testa e del collo.

Bracci del robot chirurgico Da Vinci XI
I bracci robotici Da Vinci XI Credito: intuitivo

Quest’altro robot è stato installato nella sala operatoria principale del NGH nel febbraio 2022. Il dispositivo riproduce la logica dei bracci robotici, che sono controllati dai medici. La precisione di questo sistema, come quella di MARS, consente incisioni più piccole. E, di conseguenza, un recupero molto più rapido.

Il sistema “Da Vinci XI” ha già iniziato a operare anche in Spagna.. L’Hospital Clínico di Valencia ha ricevuto il robot chirurgico lo scorso agosto e lo hanno utilizzato, tra l’altro, per interventi al colon e all’epato-bilio-pancreas. Sono già sei i centri sanitari valenciani che utilizzano il dispositivo. Anche a Madrid ci sono almeno due ospedali che hanno già implementato lo stesso meccanismo.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

LEGGI  D'ora in poi, i vostri dispositivi domestici intelligenti smetteranno di puzzare.
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *