Il Rabbit R1 è solo un’applicazione Android che gira su un hardware costoso.

L’hardware che avrebbe dovuto rivoluzionare l’industria della tecnologia e dell’intelligenza artificiale è morto a pochi giorni dal suo lancio. Il Rabbit R1 è sulla bocca di tutti da mesi ormai, affermandosi come il dispositivo definitivo per portare l’intelligenza artificiale nella vita di tutti i giorni. Quello che era stato lanciato come un progetto Kickstarter molto interessante è stato smantellato in pochi giorni. Anzi, è stato smascherato in meno di una settimana.

Il responsabile è Mishaal Rahman di Autorità Androidche, dopo aver armeggiato per qualche giorno con il Rabbit R1, è riuscito a modificare il APK del suo launcher ed eseguirlo su un Pixel 6a. Inoltre, ha assicurato che Rabbit OS e la sua intera interfaccia non sono altro che un’applicazione Android.

Per settimane ci si è chiesti se fosse davvero necessario un dispositivo da 200 euro per fare ciò che fa il Rabbit R1, con molti che sostenevano che il dispositivo potesse essere sostituito da un’applicazione. Ebbene, finalmente il Rabbit R1 sembra essere una piccolo telefono cellulare con un’applicazione Android.

Il Rabbit R1 è solo un bel pezzo di hardware.

Rahman lo ha detto chiaramente. Dopo alcune piccole modifiche è riuscito a far funzionare l’intera interfaccia di un Rabbit R1 su un telefono cellulare Android.. Non gli ci sono volute settimane di ricerche, ma solo qualche giorno per modificare un APK e installarlo su un Pixel 6a. Dopo aver fatto ciò, è stato in grado di impostare un account su Rabbit OS e porre una domanda al suo assistente AI , proprio come qualsiasi utente che abbia speso 200 euro.

LEGGI  Una parte dell'Antartide è destinata a un inevitabile crollo

Pertanto, questa pietra miliare conferma che il Rabbit R1 è un pezzo di hardware sacrificabile.e avrebbe potuto essere rilasciato come applicazione da utilizzare su qualsiasi smartphone. Non c’era bisogno di un dispositivo specifico, era sufficiente pubblicare l’applicazione sviluppata come “sistema operativo” nei negozi iOS e Android.

In realtà, gli utenti hanno già hanno iniziato a cancellare gli ordini per il Rabbit R1 in tutto il mondo. Non solo perché si tratta di un’applicazione incapsulata in un bellissimo hardware, ma anche perché le promesse non stanno arrivando al ritmo previsto..

L’azienda ha chiarito fin dall’inizio che il Rabbit R1 non sarebbe stato in grado di eseguire applicazioni, ma che stava lavorando a una serie di accordi per supportarlo attraverso servizi. Quanti ne ha attualmente? Quattro: Spotify, DoorDash, Uber e Midjourney. Non c’è altro e, dopo il suo lancio sgonfio, non è irragionevole pensare che l’interesse si esaurirà e si finirà per non avere molte altre opzioni.

In seguito all’articolo di Mishaal, l’azienda si è affrettata a rispondere con le seguenti dichiarazioni sul suo dispositivo, sul software che esegue e su come il modello linguistico (LLM) viene eseguito nel cloud nel tentativo di giustificare l’effettiva necessità di un dispositivo specifico.

Rabbit R1 non è un’applicazione Android. Siamo consapevoli che esistono emulatori di siti web/app non ufficiali di Rabbit OS. Comprendiamo la passione che le persone hanno nel testare la nostra AI e il LAM piuttosto che aspettare l’arrivo del loro R1. Detto questo, per chiarire qualsiasi malinteso e mettere le cose in chiaro, Rabbit OS e LAM funzionano nel cloud con AOSP pesantemente personalizzato e modifiche del firmware di livello inferiore, quindi un APK pirata locale senza gli endpoint OS e cloud adeguati non sarà in grado di accedere al nostro servizio. Rabbit OS è personalizzato per R1 e non supportiamo client di terze parti. L’utilizzo di un APK o di un client web pirata comporta rischi significativi; è noto che attori malintenzionati pubblicano applicazioni pirata che rubano i vostri dati. Per questo motivo, consigliamo agli utenti di evitare queste applicazioni Rabbit OS pirata. (Tradotto)

Dichiarazioni di Rabbit

Le cose si mettono male per Rabbit Inc. Recensioni R1 sostengono la teoria che non c’era bisogno di un dispositivo da 200 euro. L’attrattiva principale è il suo modello linguistico (LAM) e il modo in cui interagisce con l’IA, ma non sembra essere abbastanza interessante da portarsi dietro un altro dispositivo, che, come è stato dimostrato, è anche completamente superfluo.

LEGGI  Xiaomi annuncia una batteria MagSafe per iPhone molto più potente di quella di Apple

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *