Il prossimo Samsung Galaxy Watch cambierà completamente il suo design

Samsung potrebbe implementare un cambiamento radicale nel design del Galaxy Watch. Le indiscrezioni più recenti sostengono che l’azienda sudcoreana sta valutando la possibilità di utilizzare uno schermo quadrato per una versione futura. Se confermata, questa tecnologia romperebbe una tradizione di quasi un decennio.

Come riportato da SamMobile, Samsung prevede di abbandonare il display circolare del Galaxy Watch. Lo smartwatch tornerebbe alle sue origini, adottando un design quadrato come quello utilizzato dall’Apple Watch e da altri produttori come Xiaomi e Amazfit. Le fonti confermano che i dirigenti di Samsung sono entusiasti dell’idea e ritengono probabile che si concretizzi.

L’indiscrezione non indica se il display quadrato debutterà con il Galaxy Watch 7 o con il suo successore. Samsung presenterà la sua nuova linea di smartwatch in occasione di un evento esclusivo che si terrà quest’estate, durante il quale verrà annunciato anche il Galaxy Ring. Con grande sorpresa di alcuni, il Galaxy Watch 7 trapela non menzionano un cambiamento nel design, poiché si concentrano sulla presenza di un chip a 3 nanometri.

Gli ultimi rapporti sostengono che il Galaxy Watch 7 sarà accompagnato da una versione Pro, mentre per il Galaxy Watch 7 Classic bisognerà attendere il 2025. Le nuove versioni dello smartwatch arriveranno con prestazioni migliorate, maggiore durata della batteria e dello spazio di archiviazione. Un dettaglio che contraddice lo schermo quadrato è l’implementazione della lunetta rotante presente sul Galaxy Watch 6 Classic.

Anche se Samsung non è nuova agli schermi quadrati sui suoi smartwatch, questo design è assente da un decennio.. Gli ultimi Galaxy Watch con questo fattore di forma sono stati il Gear 2 e il Gear Live, due modelli del 2014 che facevano concorrenza all’Apple Watch. Un anno dopo hanno conquistato il mercato con il primo orologio rotondo.

LEGGI  Flipboard avvia l'integrazione con Mastodon e altri servizi basati su ActivityPub
Galaxy Gear, il primo smarwatch di Samsung con display quadrato
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Kārlis Dambrān<span>
I primi smartwatch di Samsung erano quadrati

Un Galaxy Watch con display quadrato sembra più complesso di quanto sembri

Sebbene le informazioni siano di qualità come indiscrezioni, non possiamo fare a meno di pensare a alle implicazioni di una modifica del design del Galaxy Watch. Samsung, Google e altri produttori non hanno seguito l’esempio di Apple e hanno optato per un quadrante circolare, simile a quello degli orologi tradizionali. Questo li avrebbe aiutati a differenziarsi e a rivolgersi all’utente medio che cercava un’esperienza simile a quella dei dispositivi analogici.

Eventualmente, Samsung ha perfezionato la formula e l’esempio più evidente è il Galaxy Watch 6, uno smartwatch con un display luminoso e cornici più sottili rispetto al suo predecessore. Lo smartwatch ha caratteristiche importanti per chi fa sport o vuole misurare la propria salute. L’azienda sudcoreana ha dotato il suo dispositivo di funzioni di allenamento, analisi del sonno e misurazione della frequenza cardiaca.

Un punto da considerare nel passaggio a un design quadrato è indossareOS. Il sistema operativo di Google è ottimizzato per gli schermi circolari e le app sfruttano l’estensione del pannello. Inoltre, il Galaxy Watch 6 Classic ha una delle caratteristiche migliori: la ghiera girevole..

Il Galaxy Watch con schermo quadrato rappresenterà probabilmente una partenza radicale da una nuova generazione di dispositivi.. È anche possibile che sia un modello in edizione limitata ispirato al primo Galaxy Gear, ma con hardware e caratteristiche aggiornate. Qualunque sia la ragione, la Corea del Sud dovrà aggiornare la sua linea di produzione per accogliere questo gadget.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *