Il metaverso di Zuckerberg ha già delle gambe, ma potrebbero non essere quelle che ci sono state mostrate.

Le prime immagini del metaverso, quello nuovo – di tutto il vortice di mondi virtuali che il nuovo interesse di Meta(Facebook) ha generato – avevano qualcosa in comune. E per di più terrificante. I nostri avatar digitali esistevano solo dalla vita in su. Le gambe sono state lasciate all’immaginazione degli utenti. La promessa tecnologica che doveva essere la più grande rivoluzione dalla creazione di Internet sarebbe stata una rappresentazione umana senza gambe? A quanto pare sì: per motivi tecnici, a causa dell’aspetto del motion-capture, la nostra vita digitale assomiglierebbe a quella di un presentatore televisivo. O peggio, entità digitali che fluttuano senza carrello. Come i giochi della Wii, ma più sofisticati.

Fino ad oggi. Meta, attraverso la conferenza Meta’s Connect, ha presentato un’immagine particolare. Utilizzando a lungo il metaverso per parlare di questo tipo di novità, l’avatar di Mark Zuckerberg è stato mostrato in pubblico per annunciare che queste sarebbero arrivate in breve tempo sull’app Horizon VR. Accanto all’avatar di Aigerim Shorman, product manager di Meta, è stato possibile vedere entrambi gli avatar indossare qualcosa di inedito: con gambe.

Con gambe che si muovevano, va detto. Shorman scalciò in aria un paio di volte. Zuckerberg ha sollevato ognuno di loro e poi è saltato. Molti stanno già immaginando lo ieratico fondatore di Facebook fare la capra intorno al set dove è stata girata questa scena per promuovere il suo metaverso. Una scena che, tra l’altro, assomiglia molto all’universo dei Sims.

Quanto c’è di vero in questa immagine del nuovo metaverso di Meta? Forse non molto. Il fondatore di Meta ha voluto presentare il lancio di i suoi nuovi avatar che saranno disponibili in Horizon VR a breve.. Per questo ha mostrato un’anteprima, che però potrebbe avere più la mano di un artista della VR che il prodotto di una realtà tecnologica. Cioè un sistema di motion capture che mostri la realtà di ciò che sta per accadere.

Meta ha da tempo lasciato intendere che i sensori dei Quest, i suoi prossimi occhiali VR in grado di gestire il metaverso, sarebbero in grado di catturare i movimenti delle braccia e del busto. Non tanto le gambe, che sono lontane dall’area di influenza del ricevitore montato sulla testa. Tuttavia, l’azienda stava lavorando per migliorare questo piccolo dettaglio, che, tra l’altro, è stato oggetto di un’analisi approfondita, hanno lasciato i loro avatar senza gambe. Si trattava di un problema tecnico

In altre parole, ciò che si può vedere nell’annuncio di Meta potrebbe essere leggermente lontano dalla realtà degli avatar effettivi del metaverso che sarà lanciato a breve. Ci saranno altri annunci e anteprime in futuro, ha spiegato il fondatore. Dopotutto, si trattava di una pubblicità del metaverso registrata in studio e probabilmente ritoccata dai grafici. Lo stesso vale per il Quest Pro, dal costo di oltre 1.500 euro e di cui si sa poco, che sarà presto in vendita per consentire l’accesso a Horizon VR, fa dubitare che, quando saranno rilasciati, mostreranno le gambe come le abbiamo viste nel video promozionale.

LEGGI  Xiaomi espande il suo ecosistema connesso con un arsenale di nuovi dispositivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *