Il Galaxy Ring, a confronto con i suoi rivali: Oura Ring, Amazfit Helio Ring, UltraHuman Ring e Xiaomi Mijia R02

Dopo averlo presentato ufficialmente durante il Mobile World Congress di Barcellona, e dopo mesi di attesa, il Galaxy Ring è ora ufficiale. Samsung ha finalmente rivelato tutti i dettagli del suo anello intelligente per il monitoraggio della salute e sembra essere la scelta ideale per gli utenti che cercano un anello intelligente per monitorare la propria salute. gadget a questo scopo.

Sebbene il Galaxy Ring prometta di essere il punto di partenza per la divulgazione di una nuova categoria di prodotti, resta il fatto che non è l’unico anello intelligente sul mercato. Infatti, ci sono marchi che hanno questi dispositivi sul mercato da anni, comprese aziende specializzate nello sviluppo di questi prodotti. Ciò significa che il Galaxy Ring ha diverse alternative: alcune sono più semplici e con meno funzioni, ma anche più economiche. Altri, invece, sono più costosi, ma hanno più funzioni.

In ogni caso, il Galaxy Ring è un dispositivo piuttosto completo. L’anello intelligente di Samsung, che ha un prezzo di 449 euroIl nuovo orologio consente di monitorare il sonno con maggiore precisione rispetto a uno smartwatch.

Samsung Galaxy Ring

Inoltre, è in grado di un monitoraggio più accurato del ciclo mestruale grazie ai sensori di misurazione della temperatura che include, che a loro volta consentono di monitorare la temperatura corporea della persona durante il sonno.

Il Galaxy Ring è anche in grado di visualizzare informazioni su come la salute di chi lo indossa influisce sulla sua vita quotidiana, in modo da fornire raccomandazioni basate sulle abitudini di chi lo indossa. Infine, è in grado di monitorare la frequenza cardiaca e di rilevare automaticamente quando chi lo indossa sta svolgendo un allenamento. Il tutto con una durata della batteria fino a 7 giorni. Allora, Le vostre alternative sono in grado di offrire tutto questo?

LEGGI  La semplice configurazione di Google Maps consente di non perdere nessun autovelox in questa operazione di uscita.

Oura Ring, il principale rivale del Galaxy Ring

Oura. fiore all'occhiello della categoria degli anelli intelligenti. (Credit: Oura)Oura. emblema nella categoria degli anelli intelligenti. (Credit: Oura)

Non c’è dubbio che il più grande rivale del Galaxy Ring sia il Anello Oura. L’azienda di anelli intelligenti ha un solo prodotto disponibile in due diverse finiture, in vendita da 329 euro.

L’Oura Ring ha un design molto simile a quello del Galaxy Ring. Infatti, come l’anello Samsung, l’Oura Ring è realizzato in titanio, che lo rende più resistente e durevole. Ha anche, la stessa durata della batteria di 7 giornie in questo caso una carica completa richiede circa 20-80 minuti.

Video YouTubeVideo di YouTube

In termini di funzioni per la salute e lo sport, l’Oura Ring consente di monitoraggio del sonno. Include anche un’opzione per misurare l’ossigeno nel sangue. È anche in grado di monitorare con precisione il ciclo mestruale, la salute cardiovascolare e lo stress. Come l’anello Samsung, ha una funzione per controllare gli obiettivi giornalieri.

L’Oura Ring è quindi un prodotto molto simile al Galaxy Ring, e suo principale rivale, con la differenza che costa 120 euro in meno. Questo lo rende un’opzione più interessante, soprattutto se si considera che offrono praticamente le stesse caratteristiche.

Un’opzione più economica: l’Amazfit Helio Ring

Anello AmazfitAnello Amazfit

Amazfit, l’azienda specializzata in gadgetha anche un anello intelligente molto interessante in termini di prestazioni e prezzo. L’anello Helio Ring, disponibile a 199 euroha caratteristiche molto simili al Galaxy Ring. È in grado di monitorare accuratamente il sonno grazie ai suoi sensori e include la possibilità di misurare la frequenza cardiaca o l’ossigeno nel sangue.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *