Il drone Saildrone Explorer riprende dall’interno l’uragano Fiona

Il Saildrone Explorer SD 1078, una tavola da surf robot, si è avvicinato al cuore dell’uragano Fiona. Per farlo, ha dovuto dominare l’intenso scuotimento oceanico dell’uragano, rilevato per la prima volta nell’Oceano Atlantico. Il risultato è un’inquadratura tanto spettacolare quanto terrificante. di come appare una di queste enormi tempeste dall’interno.

Il drone SD 1078 è stato inviato in missione nell’ambito di una collaborazione tra la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) e la società Saildrone. Saildrone è un’azienda che progetta e produce droni da navigazione senza pilota. Così, ha deciso di provare a dare un’occhiata all’interno dell’uragano Fiona, un uragano di categoria 4 con onde alte fino a 15 metri. e venti fino a 160 chilometri orari. La NOAA, invece, è quella che si è già fatta carico di riprendere la Terra dal satellite meteorologico più avanzato degli Stati Uniti.

“I saildrones ci offrono una visione completamente nuova di una delle forze più distruttive della Terra”. ha commentato l’azienda produttrice dei dispositivi in una recente dichiarazione.. L’uragano Fiona ha recentemente toccato terra al largo delle coste della Nuova Scozia, in Canada.

Il NOAA sperava da tempo in un risultato simile.. L’anno scorso Gregory Foltz, un oceanografo del NOAA, ha dichiarato che il suo obiettivo era quello di “sfondare il muro dell’occhio” di questi fenomeni. Ora, a quanto pare, sono più vicini che mai.

Ecco come si presenta il robot SD 1078 di Saildrone.

Saildrone Explorer SD 1078, Uragano Fiona
Immagine del Saildrone Explorer SD 1078 accanto a un altro dei suoi fratelli.

Il Saildrone Explorer SD 1078 è uno dei sette droni che operano nell’Oceano Atlantico e nel Golfo del Messico.. È stato anche uno dei quattro a entrare in contatto con l’uragano Fiona.

La serie di droni Explorer ha un’altezza di 7 metri e può inviare dati in modo permanente per tutto l’anno. A differenza degli altri prodotti dell’azienda, la serie Explorer ha un’altezza di 7 metri, il Saildrone Explorer non richiede il montaggio dalle navi, né permessi per l’uso.. Semplicemente posizionandosi nell’area richiesta, possono iniziare a raccogliere dati attraverso l’energia eolica della regione.

Inoltre, questi Saildrone Explorers funzionano grazie all’energia solare ed eolica, generando un’impronta di carbonio pari a zero.. Possono rimanere in missione fino a 12 mesi, inviando dati critici al Controllo Missione in tempo reale. Se è necessaria una manutenzione o una ricalibrazione, l’Explorer può tornare autonomamente presso le agenzie dell’azienda.

I sistemi senza pilota in aria, sulla superficie dell’oceano e i sistemi subacquei e aerei hanno il potenziale per trasformare il modo in cui la NOAA compie la sua missione di comprendere meglio l’ambiente.

Philip Hall, direttore del Centro operativo per i sistemi senza pilota della NOAA.

LEGGI  L'inverno del metaverso sta arrivando, e sta arrivando prima di quanto vi aspettiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *