Il creatore di Wikipedia ritiene che l’intelligenza artificiale sovrumana sarà qui tra 50 anni

Il cofondatore di Wikipedia crede che potremmo vedere un’intelligenza artificiale superumana intelligenza artificiale sovrumana tra 50 anni. Jimmy Wales ha suggerito che un’intelligenza artificiale in grado di superare ciò che un cervello umano può fare è lontana decenni, come previsto da altri esperti di tecnologia.

In un’intervista a EuronewsWales ha affermato che l’intelligenza artificiale generale sarà pronta tra 50 anni. Il creatore di Wikipedia ha lasciato intendere che, sebbene questa tecnologia supererà gli esseri umani in un futuro lontano, gli strumenti dell’intelligenza artificiale continueranno probabilmente a supportare le attività intellettuali.

Intelligenza artificiale generale potrebbe significare un punto di svolta per l’umanità ed è oggetto di discussione nei circoli tecnologici e politici. Alcune aziende e politici ritengono che l’attuale sviluppo dell’IA debba essere regolamentato per stabilire meccanismi di protezione. I modelli non hanno bisogno solo di guardrail per prevenire contenuti dannosi, ma anche di prevedere uno scenario in cui mettano a rischio l’esistenza della razza umana.

Alcuni mesi fa, un gruppo di ricercatori ha pubblicato un articolo in cui si evidenziava che GPT-4 potrebbe essere una prima versione dell’intelligenza artificiale generale. Il modello linguistico OpenAI ha la capacità di comprendere idee complesse, di imparare rapidamente e di migliorare con l’esperienza. Secondo gli scienziati, le sue prestazioni sono sorprendentemente vicine al livello di un essere umano, ma ci sono limiti tecnici e alcune aree in cui non funziona come previsto.

Sebbene il cofondatore di Wikipedia preveda l’arrivo di un’intelligenza artificiale sovrumana nel corso di questo secolo, OpenAI non è la sua tazza di tè.

Il creatore di Wikipedia critica ChatGPT

Jimmy Wales, cofondatore di Wikipedia. Foto: Zachary McCune (Wikimedia Commons) Credito: Zachary McCune

Durante l’intervista, Jimmy Wales non ha fatto mistero del suo disprezzo per ChatGPT. Per il co-fondatore di Wikipedia, il chatbot OpenAI è terribile, perché tende a inventare le fonti e a sbagliare molte cose.. Il Galles ritiene che “non funziona affatto” e che siamo ben lontani dall’essere considerati una fonte affidabile.

LEGGI  Microsoft non è affatto contenta dell'accordo di Apple con OpenAI per integrare ChatGPT nell'iPhone

Durante una partecipazione al Web Summit 2023, Wales ha affermato che ChatGPT è ottimo per giocare e ha punti di forza nell’area della conversazione.ma diventa problematico quando si tratta di fatti. L’esperto ritiene che le aziende debbano filtrare il loro insieme di dati e evitare fonti di bassa qualità quando addestrano i loro modelli di intelligenza artificiale. Una di queste fonti è Twitter (X), che viene considerato non veritiero.

“Quando si guarda all’emergere di ChatGPT, è chiaro che non è abbastanza buono. È ottimo per giocare, ma quando si inizia a usarlo davvero, quello che inizialmente sembrava ottimo sembra piuttosto brutto”, ha detto Wales. durante la sua presentazione. “Non credo che ci sia qualcuno che non abbia sentito parlare di una singola storia di errore della ChatGPT.

Sebbene Jimmy Wales non perda occasione per attaccare il chatbot OpenAI, non è contrario a questa tecnologia. Egli ritiene che l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare a correggere gli articoli di Wikipedia. Qualche mese fa, Meta ha mostrato diversi esperimenti con l’intelligenza artificiale che mirano a risolvere gli errori o ridurre il divario di genere negli articoli.

Il creatore dell’enciclopedia web ha affermato che è aperto a lavorare con un’IA open-source e libera di essere utilizzata. che si adatti ai suoi principi, anche se non esiste ancora un modello con queste caratteristiche.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *