Il Chelsea licenzia Thomas Tuchel

Con un comunicato sui social media e sul sito web, il Chelsea ha annunciato che Thomas Tuchel non sarà più il manager dei Blues. E ora?

© Getty ImagesThomas Tuchel in un incontro con il Chelsea.

Non è una fake news o una voce di corridoio, Thomas Tuchel è stato licenziato come allenatore di una squadra di calcio. Chelsea dove la sconfitta per mano della Dinamo Kiev nell’esordio in Champions League ha segnato la fine di un periodo glorioso a Stamford Bridge. Il primo DT a cadere sotto l’era di Todd Boehly.

Attraverso i propri social network e il proprio sito web, i Blues hanno annunciato che il 49enne allenatore tedesco non continuerà a occuparsi di una squadra con la quale dopo 100 partite, 60 vittorie, 24 pareggi e 16 sconfitte.Il ciclo di Thomas Tuchel è giunto al termine. La stampa inglese si pone molte domande e parla di compensi milionari per i tedeschi.

I titoli di Supercoppa Europea, Coppa del Mondo per Club e UEFA Champions League vinti nel 2021 non sono bastati a sostenere un inizio di stagione traballante al The Bridge. Tre sconfitte, un pareggio e tre vittorie riassumono un inizio di stagione tutt’altro che clemente per il Chelsea. La partenza di Roman Abramovic e di numerosi altri giocatori nel corso di un’estate in cui la spesa per i trasferimenti ha superato i 281 milioni di euro riassume gli ultimi mesi di un club in cui Todd Boehly non ha avuto pietà.

Dichiarazione ufficiale

“A nome di tutti i dipendenti del Chelsea FC, il Club desidera mettere a verbale i propri ringraziamenti a Thomas e al suo staff per tutti gli sforzi compiuti durante il suo periodo di permanenza nel Club”. Thomas avrà giustamente un posto nella storia del Chelsea dopo aver vinto la Champions League, la Supercoppa e la Coppa del Mondo per Club durante la sua permanenza qui”.

“Il nuovo gruppo di proprietà raggiunge i 100 giorni dall’acquisizione del club e continua il suo duro lavoro per far progredire il club.i nuovi proprietari ritengono che sia il momento giusto per effettuare questa transizione”.

“Lo staff tecnico del Chelsea prenderà in consegna la squadra per gli allenamenti e la preparazione delle prossime partite, mentre il club si muoverà rapidamente per nominare un nuovo allenatore capo”. Non ci saranno ulteriori commenti fino a quando non verrà nominato un nuovo capo allenatore”.

LEGGI  Incrociare le strade? A Marco Asensio è stato chiesto se giocherebbe per il Barcellona e la sua risposta ha lasciato più di una bocca aperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.