Il CEO di Twitter mostra la schermata iniziale del suo iPhone con le sue applicazioni preferite. Manca la più importante

Linda Yaccarino, che è CEO di X (Twitter) dallo scorso giugno, ha una pletora di applicazioni sulla schermata iniziale del suo iPhone. In realtà, ha solo applicazioni, non un solo widget. Lo sappiamo perché durante un’intervista alla Code Conference, un evento sulla tecnologia e l’innovazione organizzato da Vox Media, la direttrice del social network ha momentaneamente sollevato il suo iPhone 14 Pro. rivelando la prima pagina dello schermo che presentava applicazioni come Instagram, Starbucks e persino la Bibbia. E ce n’è una che è sfuggita a tutti.

Infatti, Linda Yaccarino, l’amministratore delegato di Twitter, non ha l’app di Twitter (ora chiamata X) nella prima pagina della schermata iniziale del suo iPhone.. È curioso se si considera che gestisce il social network ed è anche un utente attivo della piattaforma – non quanto Elon Musk, sia chiaro.

La cosa più curiosa, tuttavia, è che la schermata iniziale è piena di applicazioni che sono in diretta concorrenza con X (Twitter).. Tra queste, Instagram e Facebook. Yaccarino ha anche un gran numero di app predefinite, come FaceTime, Wallet, l’app Mappe, il Calendario Apple e l’app Orologio. Sul suo iPhone se ne possono vedere anche altre come Bibbia, Google Calendar, Gmail o Signal.

L’amministratore delegato di X (Twitter) parla del futuro del social network

È molto probabile che Yaccarino abbia installato Twitter (o X) sul suo iPhone e che l’applicazione si trovi semplicemente nella libreria delle applicazioni. o una seconda schermata iniziale in cui sono presenti più applicazioni per il lavoro. Ma è aneddotico che questo non sia nella prima pagina.

In effetti, sembra che Yaccarino non sia una persona che si preoccupa di organizzare la schermata iniziale del suo iPhone. Nell’immagine condivisa da The Verge vediamo due app calendario e l’app Impostazioni è presente nel dock delle app.

LEGGI  Logitech annuncia il primo volante Direct Drive e nuovi dispositivi di streaming

Al di là della schermata iniziale dell’iPhone, durante l’intervista Yaccarino ha discusso alcuni importanti dettagli su X, tra cui l’intenzione di rendere l’app una piattaforma basata sulla libertà di espressione. L’amministratore delegato di X (Twitter) sembra anche aver confermato che il social network non sarà un servizio in abbonamento. mostrando una faccia sorpresa quando gli è stato chiesto di farlo.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *