Guardate la vostra immagine durante le chiamate Zoom? Questo potrebbe avere gravi conseguenze

Dall’inizio degli anni 2020, le videochiamate sono diventate la norma. Mentre prima si svolgevano sporadicamente, durante il confino sono diventate la principale forma di comunicazione nelle aziende, nelle scuole e in tutti i tipi di gruppi. Queste chiamate spesso imitano abbastanza bene la comunicazione “dal vivo”. Tuttavia, hanno una componente che non abbiamo quando parliamo di persona con un’altra persona.: una visione di noi stessi.

In una piccola scatola, qualsiasi persona può vedere il “riflesso” di sé stessa davanti allo schermo. Oggi, in un mondo in cui le videochiamate sono comuni, le persone sono passate dal guardare il proprio riflesso un paio di volte durante il giorno a guardarlo per ore e ore. Per questo motivo, Rozanne Felig, dottoranda in Psicologia sociale presso la University of South Florida, insieme a Jamie Goldenberg, professore di Psicologia presso la stessa istituzione, hanno deciso di condurre uno studio sugli effetti di questa “attività”..

Pubblicato in La conversazioneentrambi gli psicologi sono riusciti a dimostrare che guardarsi per ore al giorno su Zoom può compromettere seriamente la salute mentale. Ciò è ancora più grave se si è una donnacommentano nel loro studio.

Siamo psicologi che studiano l’attenzione che la società riserva all’aspetto delle donne e le conseguenze di questo costante controllo. Siamo stati subito affascinati dalle nuove dinamiche create dal mondo Zoom.

Sebbene sia fondamentale per la sicurezza pubblica durante la pandemia, riteniamo che le lezioni virtuali, le riunioni e così via portino a concentrarsi costantemente sul proprio aspetto, cosa che la ricerca dimostra essere dannosa per la salute mentale, soprattutto per le donne.

Rozanne Felig e Jamie Goldenberg per La conversazione

L’autocostruzione, la grave conseguenza dell’oggettivazione delle donne

La reificazione è un fenomeno reale. Di solito assume la forma dell’oggettivazione sessuale e si verifica quando le parti del corpo vengono percepite separatamente dalla persona a cui sono legate. Vengono spogliati di ogni valore come esseri viventi e consumati come semplici forme. Questo è abbastanza comune da vedere nelle pubblicità, dove di solito il corpo femminile viene oggettivato per vendere un determinato prodotto.. Ad esempio, un sixpack Cosa hanno a che fare con il consumo di alcol? Assolutamente nulla.

Sebbene l’oggettivazione non comprenda il genere, è piuttosto chiaro che le donne tendono a essere colpite da questo fenomeno in misura maggiore rispetto agli uomini. Pertanto, è ovvio che una parte maggiore della popolazione femminile sarà interessata dall’autoclassificazione, almeno rispetto alla popolazione maschile.

LEGGI  SpaceX è pronta a rivoluzionare il Wi-Fi degli aerei con il nuovo Starlink Aviation

La psicologia dell’autoselezione

In effetti, un articolo del Riviste SAGE spiega questo fenomeno in modo molto chiaro:

La teoria della reificazione sostiene che le ragazze e le donne sono spesso acculturate per interiorizzare la prospettiva di un osservatore come visione primaria del loro sé fisico. Questa prospettiva del sé può portare a una sorveglianza abituale del corpo che, a sua volta, può aumentare le opportunità di vergogna e di ansia per le donne, ridurre le opportunità di stati motivazionali di punta e diminuire la consapevolezza degli stati corporei interni.

Riviste SAGE

Inoltre, un esperimento pubblicato sul sito web Frontiere conferma gli svantaggi dell’oggettivazione e il suo legame con Internet. Nel loro esperimento hanno misurato la risposta cognitiva, emotiva, comportamentale e psicologica di diversi partecipanti che si sono concentrati sul loro aspetto fisico.

Così facendo, sono stati in grado di dimostrare che essere vicini agli specchifotografarsi o avere la sensazione che il proprio aspetto sia sezionato da terzi aumenta i livelli di auto-vergogna. Abbiamo quindi la ricetta perfetta per il disastro durante le videochiamate; è uno dei pochi eventi in cui tutti questi sistemi di valutazione entrano in gioco.

“L’auto-ificazione è stata definita come una preoccupazione per il proprio aspetto fisico dovuta all’interiorizzazione di una prospettiva reificante dell’osservatore sul proprio corpo (Fredrickson e Roberts, 1997), per cui “gli individui pensano e valutano il proprio corpo più da una prospettiva di terza persona, concentrandosi sugli attributi corporei osservabili (ad esempio, “Come appaio?”), piuttosto che da una prospettiva di prima persona, concentrandosi su attributi corporei privilegiati o non osservabili (ad esempio, “Di cosa sono capace?” o “Come mi sento?”)”.

Frontiere

Le conseguenze di questo comportamento nelle donne

Autocosificazione può avere conseguenze devastanti. In fondo, pensare a se stessi come a un oggetto può portare a cambiare il modo in cui ci si guarda e anche il modo in cui ci si comporta.

Secondo La conversazionequesto comportamento porta uomini e donne a concentrarsi sul proprio aspetto fisico in modo esagerato.. Tuttavia, confermano che le donne possono andare incontro a conseguenze più gravi.

Questo comportamento comporta un “onere cognitivo” per le donne. Infatti, uno studio del 1998 ha trovato risultati spaventosi quando le donne sono state messe davanti allo specchio mentre indossavano un nuovo costume da bagno. L’auto-vergogna ha fatto sì che le donne ottenessero risultati peggiori di fronte a problemi matematici.. Negli uomini, invece, non sono stati ottenuti risultati che dimostrassero che erano influenzati da questa esperienza oggettivante.

LEGGI  Adobe Project Music GenAI Control, il Photoshop per la creazione musicale con intelligenza artificiale

Durante questo stesso esperimento è emerso che l’imbarazzo ha fatto sì che le donne smettessero di mangiare. Naturalmente, dimostrare che l’oggettivazione ha conseguenze fisiche, psicologiche e comportamentali.

Alti livelli di abnegazione si traducono in conseguenze per la salute mentale di chi ne soffre.. Tra questi vi sono la depressione, l’ansia esponenziale per il proprio aspetto, i disturbi alimentari e molti altri.

L’autocostruzione porta anche le donne a prendere le distanze, in una certa misura, dal proprio corpo. Questo può portare a prestazioni motorie inferiori e a difficoltà nel riconoscere i propri stati emotivi e corporei. Uno studio ha dimostrato che le ragazze inclini all’auto-valorizzazione avevano una minore coordinazione fisica rispetto a quelle che mostravano meno auto-valorizzazione.

La conversazione

Come ridurre i danni

Finora non sembra esserci alcuna ricerca che esplori il legame tra autoselezione e videochiamate. Tuttavia, c’è alcuni studi che confermano che le preoccupazioni non si basano su nulla.

In uno studio pubblicato sulla rivista Biblioteca online Wileyricercatori hanno dimostrato che le donne che passavano più tempo a concentrarsi sul proprio aspetto durante le videochiamate, sono anche diventati meno soddisfatti dello stesso. Anche l’uso delle funzioni di zoom per ritoccare l’aspetto era più evidente in questa popolazione di persone, che inoltre passavano più tempo a guardarsi durante le videochiamate.

Tuttavia, ci sono alcune cose che possiamo fare per ridurre al minimo i rischi. Tra queste c’è quella di utilizzare la funzione per nascondere la propria immagine dalla conversazione. Questa opzione non spegne la fotocamera, quindi gli altri partecipanti potranno comunque vedervi, ma voi sarete liberi dalla vostra inquadratura.

Sebbene questa sia una soluzione a breve termine e possa essere utile a molti, è improbabile che tutti seguano questo consiglio. In un mondo in cui l’aspetto fisico delle donne conta più di quello degli uomini e può tradursi in vantaggi economici e sociali; si può sentire in una posizione di svantaggio se non si ha il controllo del proprio aspetto.. Un comportamento che, sebbene non sia affatto vantaggioso, è comprensibile.

Numerose ricerche precedenti suggeriscono che le chiamate Zoom sono una tempesta perfetta per l’auto-vergogna e che i danni colpiscono in modo sproporzionato le donne. Sembra che il campo di gioco già poco equo per le donne sia esacerbato nelle interazioni sociali online. Ogni piccola tregua dal guardare una proiezione letterale di voi stessi sarà un guadagno netto per il vostro benessere, soprattutto per le donne.

La conversazione

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *