Grazie, Serena Williams: Serena Williams si ritira dal tennis dopo l’uscita dagli US Open

La tennista americana è caduta al terzo turno del torneo più importante del suo Paese in una partita combattuta contro l’australiana Ajla Tomljanović.

© Getty.Serena Williams in campo contro Ajla Tomljanović.

È stata una partita combattuta, in cui Serena Williams ha fatto di tutto per battere la rivale oceaniana, che ha conquistato il set finale e ha prevalso in modo convincente. Alla fine, i parziali del match si sono conclusi, 7-5, 6-7 y 6-1La terza partita è stata molto emozionante per la notizia che è stata data alla fine.

Fin dall’inizio si preannunciava un duello molto combattuto, una situazione evidente fin dal primo set, come dimostra il punteggio di 7-5 nei giochi. Le partite che ha vinto contro “Reina” sono state di evidente qualità; la stessa qualità che ha dimostrato in 25 anni di carriera sportiva.che si è conclusa il 2 settembre, e in grande stile.

Anche la seconda manche si è rivelata molto combattuta. Alla fine, entrambe le atlete hanno dovuto soffrire, ma la prestazione di Serena è stata superba, un 6-7 che ha provocato l’esultanza e il tifo della folla dell’Arthur Ashe Stadium.a New York.

Le gambeLa stanchezza e i suoi 40 anni hanno iniziato a farsi sentire nell’ultimo e conclusivo set.. Il suo colpo di rovescio, è stato sfruttato dall’australiana di sangue croato, che dopo la partita ha detto di amare Serena e nell’ultima fase del match non poteva credere all’impresa che stava per compiere. Giocare l’ultima partita con una delle donne che hanno diviso in due la storia del tennis.

Già in quella che è stata l’intervista finale, le lacrime erano presenti sul grande palcoscenico newyorkese, il pubblico presente, per lo più a sostegno del più giovane Williams, si è trasformato in applausi e incitamenti per il ritiro della “leggenda”. Durante l’intervento le è stato anche chiesto se ci fosse la possibilità di di vederla di nuovo in azione, ma tutto rimane che “il mondo gira in tondo”. Tuttavia, ha detto chiaramente che esplorerà ancora di più il suo ruolo di madre.

Precisamente, in quella conversazione, la prima persona che ha ringraziato è stato Richard, suo padre, l’uomo che ha catapultato sia lei che la sorella Venus verso la celebrità. Con il suo “piano folle e audace” ha portato le due donne ad essere tra le più grandi della storia dello sport bianco. Le cose belle dello sport.

Un gigante se n’è andato, ma l’eredità sarà sempre presente. Con lettere dorate e lucenti, come la sua tuta di New York, il nome di Serena Williams sarà sempre scritto: Grazie!

LEGGI  Non è Messi: chi è il vero "pacificatore" nel rapporto tra Neymar e Mbappé al PSG?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.