Google lancia le prime due varianti di Gemma, la sua IA open source basata su Gemini

A febbraio, Google sorpreso dall’annuncio di Gemmaun’intelligenza artificiale open source basata su Gemini. Si rivolge a ricercatori e sviluppatori e ora ha due nuove varianti che sono in fase di sviluppo per l’industria automobilistica. sono state rilasciate nelle ultime ore.

Da un lato, c’è CodiceGemmache, come suggerisce il nome, è orientato ai compiti di programmazione. D’altra parte, c’è IlGemmaRicorrenteche vanta un’architettura la cui efficienza è stata ottimizzata per gli esperimenti di ricerca.

Google spiega che queste nuove varianti sfruttano il meglio di Gemma. Ciò consente loro di essere efficienti, veloci e leggereed essere abbastanza flessibili da adattarsi a software e hardware diversi. Ciò significa che CodeGemma e RecurrentGemma possono essere implementati in framework come PyTorch e JAX, ed essere eseguiti su TPU di Google Cloud, su sistemi con grafica NVIDIA o su configurazioni molto più modesto di un computer o di un portatile.

CodeGemma e RecurrentGemma, le prime varianti di Google Gemma

Google | AI | CodeGemma e RecurrentGemma, le prime varianti di Google Gemma

Come i modelli Gemma originali, Google ha rilasciato queste prime varianti pensando all’adozione da parte di sviluppatori e ricercatori. Nel caso di CodiceGemmaAI può essere utilizzato per completare linee di codice, funzioni o per scrivere interi blocchi di codice. Supporta linguaggi come JavaScript, Java, C++, Rust e Python, fra gli altri, ed è disponibile in tre versioni ottimizzate per compiti diversi:

  • Una variante con 7 miliardi di parametri pre-addestrati per il completamento o la generazione di codice;
  • Un’altra opzione con 7 miliardi di parametri che è stata ottimizzata per seguire le istruzioni e funziona come una chat di codice;
  • Un’alternativa più piccola, con 2 miliardi di parametri, destinata a essere eseguita localmente su un PC per un rapido completamento del codice.
LEGGI  Ora potete pagare i vostri acquisti su Amazon attraverso Bizum: ecco come funziona questa opzione di pagamento

È chiaro, quindi, che Google ha creato CodeGemma come variante di Gemma destinata a facilitare il lavoro dei programmatori. In questo modo, avranno l’opportunità di snellire i loro compiti e di integrare l’intelligenza artificiale nei loro flussi di lavoro.

D’altra parte, IlGemmaRicorrente mira a posizionarsi come scelta ideale per i ricercatori di IA. Google spiega che questa variante offre prestazioni simili a Gemma 2B, uno dei modelli open source lanciati a febbraio. Tuttavia, utilizza un’architettura unica che le permette di essere molto più efficiente in termini di memoria.

Questo è un grande aiuto per chi non dispone di apparecchiature molto potenti, in quanto sfrutta al meglio l’hardware limitato a disposizione. Inoltre, consente di eseguire un’inferenza in batch più elevata, che permette di generare un maggior numero di token al secondo.

Pronto all’uso

Per chi vuole iniziare a sperimentare CodeGemma e RecurrentGemma, le prime due varianti di Google Gemma, sono disponibili numerose risorse. Il sito di Mountain View hanno pubblicato diverse guide che non solo forniscono dettagli più approfonditi sull’IA e le sue varianti, ma anche istruzioni rapide per l’avvio, la configurazione e la messa a punto. La cosa migliore è che molto di questo materiale è disponibile in ingleseche ne semplifica drasticamente l’analisi e l’uso.

In questo modo, Google sta ampliando la sua strategia legata all’intelligenza artificiale. Ieri l’azienda californiana ha annunciato Axionla sua prima CPU basata su ARM che verrà utilizzata per alimentare l’intelligenza artificiale nei suoi data center. Inoltre, continua a integrare la tecnologia in servizi come Google Maps e Workspace.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *