Elon Musk svela il robot di Tesla che “sradicherà la povertà nel mondo”.

Auto elettriche, pannelli solari, tunnel, lanciafiamme, camion anfibi… Perché non fare anche i robot? La sera di venerdì 30 settembre, Elon Musk ha presentato il primo prototipo funzionante del suo robot umanoide. Optimus per dimostrare i progressi di Tesla nel campo dell’intelligenza artificiale.

L’esperienza dell’azienda nello sviluppo di veicoli a guida autonoma ha reso possibile questo risultato. Il robot, come le automobili, utilizza radar e telecamere per rilevare i segnali provenienti dall’ambiente e interpretarli.

Il robot, con una statura e una corporatura simili a quelle umane, è in grado di raccogliere e trasportare scatole o innaffiare piante, come mostrato nei video di presentazione. Ma quando è salito sul palco, riusciva a malapena a camminare senza cadere a terra. “È la prima volta che cammina senza essere attaccato a un cavo”, ha riconosciuto Musk.

Le capacità del robot non sono rivoluzionarie e sono ben lontane dalle dimostrazioni effettuate anni fa da organizzazioni come Boston Dynamics. Tuttavia, Tesla ha voluto mostrarlo per attirare talenti perché, a differenza di altri robot apparentemente più sofisticati, questo sarà il primo di molti milioni, secondo la visione del miliardario. Optimus è stato progettato da zero per consumare poca energia, costare meno di 20.000 dollari e imparare a svolgere una moltitudine di compiti in base alle esigenze del consumatore.

Il robot Tesla per sradicare la povertà nel mondo.

Per Musk, lo sviluppo di robot su larga scala è un’opportunità per moltiplicare la produttività delle nazioni e sradicare la povertà. Egli ritiene che questi umanoidi alimentati a batteria aumenterebbero l’efficienza del lavoro manuale a tal punto che nessuno dovrebbe soffrire la fame.

È il sogno degli scrittori da quando hanno inventato il concetto di robot: schiavi senz’anima che ci aiutano a svolgere le faccende che nessuno vuole fare. Ma c’è chi teme che questi umanoidi “intelligenti” finiscano per rappresentare un pericolo per l’umanità. Una preoccupazione condivisa da Musk, che sottolinea l’importanza che Tesla sia una società pubblica in grado di controllare lo sviluppo di questi robot.

Il robot è alimentato da un 2,3 kWhun processore prodotto da Tesla, utilizzando la connettività Wi-Fi e 4G. Ha le articolazioni di base per eseguire numerosi movimenti simili a quelli umani, come polsi, ginocchia e gomiti. Per metterli a frutto e consentirgli di svolgere attività quotidiane o specializzate, Tesla lo ha dotato di attuatori che studiano la forza, l’orientamento e il ritmo di ogni articolazione per eseguire i compiti in modo efficiente e preciso.

Le sue mani sono ispirate alle nostre e hanno cinque dita. Ciò è in contrasto con i prototipi di altre aziende che tendono a preferire le impugnature a gancio, più adatte a compiti di precisione di routine. Il corpo umano ha molti muscoli che non sono necessari per un robot, che non deve grattarsi la schiena, tagliarsi le unghie dei piedi o fare una capriola. Optimus non replica perfettamente la nostra gamma di movimenti, ma replica la forza dei nostri muscoli, più potente in certi movimenti..

Se l’ambiziosa visione dell’imprenditore verrà realizzata, i robot potrebbero aiutare le persone che non possono aiutarsi da sole, costruire edifici o gestire magazzini. Potrebbero anche essere usati come partner sessuali, ha scherzato. La verità è che al momento nessuna azienda specializzata nello sviluppo di robot è nemmeno lontanamente in grado di mettere in vendita un robot autonomo che sostituisca l’uomo in più di un compito, per quanto semplice possa essere.

Tuttavia, il progetto ha le sue virtù nell’essere stato concepito fin dall’inizio in modo autonomo. La sua autonomia – il robot è molto più efficiente di un essere umano a riposo, ha promesso Musk – il suo basso costo e la sua progettazione per la produzione di massa, cosa che nessun’altra azienda è stata in grado di prendere seriamente in considerazione.

Alcune delle promesse di Elon Musk sono state mantenute, ma molte altre no. Quella sulla possibilità di avere un robot che annaffi le nostre piante o dorma con noi – per chi è interessato – è senza dubbio la più incredibile di tutte.

LEGGI  eufy ha una nuova telecamera wireless con una durata della batteria quasi infinita, ideale per la vostra casa intelligente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *