Elon Musk dà un ultimatum ai dipendenti di Twitter: lavorare come matti o essere licenziati

Martedì sera Elon Musk ha inviato un’e-mail a tutti i dipendenti di Twitter dando loro un ultimatum. Nell’e-mail, che è stata consultata da Il Washington Postl’uomo d’affari ha spiegato che Twitter deve tutti a lavorare duramente e a lungo. Chi non vuole fare questo sforzo può andarsene con tre mesi di stipendio come indennità di licenziamento.

“Solo chi si comporta in modo eccellente otterrà la mia approvazione”, si legge nell’e-mail. È una minaccia, ma anche una dichiarazione di intenti. Musk vuole un team compatto ed eccellente, dominato da ingegneri e programmatori. Vuole che l’azienda operi in modo agile, senza che i processi burocratici frenino l’innovazione.

Deve tagliare i costi di Twitter. Il settore si trova in pieno inverno a causa della situazione economica globale e del crollo in borsa delle grandi aziende tecnologiche, che hanno raggiunto picchi di valutazione esorbitanti grazie alla loro effimera performance durante la pandemia.

In pochi giorni Elon Musk ha scosso ogni angolo di Twitter.

Non è la crisi di il dotcomma l’intero settore è entrato in un periodo di austerità senza precedenti. Meta ha licenziato più di 11.000 dipendenti; Amazon punta a 10.000. Anche aziende come Snap, Robinhood o Netflix hanno effettuato tagli sostanziali ai posti di lavoro. Non c’è più tanto denaro e l’aumento dei tassi d’interesse ha fatto aumentare il costo dell’assunzione di rischi o del mancato raggiungimento degli obiettivi.

Musk sta passando al setaccio la forza lavoro di Twitter da cima a fondo. E lo sta facendo direttamente o indirettamente perché, oltre agli oltre 3.000 licenziamenti, diversi dipendenti o dirigenti di alto livello si sono dimessi. Alcuni non condividono la stessa visione dell’imprenditore, altri preferiscono lavorare a distanza o semplicemente non vogliono sacrificare la loro vita familiare per il piano di Musk.

LEGGI  Arriva il nuovo monitor Samsung ViewFinity S9 per sfidare l'Apple Studio Display

Altri vengono licenziati su ordine diretto di Musk. Non ama essere criticato in pubblico (anche se è la sua attività preferita su Twitter). Domenica ha dichiarato che l’ingegnere Eric Frohnhoefer è stato licenziato. Il motivo? Per aver detto che Musk non sapeva di cosa stesse parlando.

Anche i canali di Slack, una chat interna utilizzata da Twitter, saranno viene monitorato per individuare i dipendenti che non sono d’accordo con le politiche di Musk. Vuole continuare a tagliare dipendenti finché non avrà un team totalmente fedele e disposto a sacrificare tutto per rispettare le scadenze che desidera. Questo è il modo in cui Tesla e SpaceX hanno lavorato, ma è un ambiente di lavoro radicalmente diverso da quello che è stato adottato nell’ultimo decennio nella Silicon Valley: tavoli da biliardo, caffetterie a pagamento, massaggi, lavoro a distanza…

Un cambiamento radicale nella cultura aziendale di Twitter

Nel bel mezzo di questa profonda revisione interna, Musk continua a twittare in tempo reale tutte le sue battute per migliorare il social network, mentre il team affronta contemporaneamente numerosi cambiamenti e miglioramenti. Il servizio Blue ha dovuto essere chiuso a causa del problema dell’impersonificazione, e sarà rilanciato il 29 novembre.e. È in corso una riprogettazione della messaggistica che, come si evince dal codice web, offrirà la crittografia peer-to-peer. Musk ha dichiarato che l’obiettivo è trasformare la messaggistica di Twitter in un servizio migliore di WhatsApp.

LEGGI  Surfshark Antivirus: la parte di cui avevamo bisogno per navigare in sicurezza su Internet

Dal suo arrivo, Twitter ha provocato il caos su più frontiSviluppo, inserzionisti, copertura della stampa, ristrutturazione del personale… Ma Musk è a suo agio con il cappio al collo. Il problema è che non tutti lo sono, ed è per questo che deve lanciare questo ultimatum e licenziare chiunque non sia d’accordo o non si comporti in modo “eccellente”.

Anche se pochi condivideranno i suoi metodi, sia Tesla che SpaceX hanno avuto fin dall’inizio ingegneri di talento e dirigenti di alto livello. Tuttavia, forse Twitter è ancora più complesso che far guidare le auto da sole all’interno di un’azienda che, come dice il suo stesso capo, “può andare in bancarotta” o diventare “l’app per tutto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *