Elektro, il robot americano che ha trionfato negli spettacoli

Anche se non fanno ancora parte delle nostre case, li vediamo costantemente alle fiere dell’elettronica. robot che fanno cose. Il robot che suona la tromba di Toyota, i robot anticaduta di Boston Dynamics, i robot da compagnia di Genibo… L’elenco è infinito. E non sarebbe sorprendente se tra qualche decennio avremo sotto forma di robot umanoide. per aiutarci a casa o al lavoro. Ma per ora è un sogno. Così come Elektro, una delle i primi robot costruiti dall’uomo e che è diventato uno spettacolo da fiera.

Sebbene sia stato nel 1921 che il lavoro teatrale R.U.R. (Rossumovi univerzální roboti) in cui il ceco Karel Capek battezzato con il nome di robot a macchine umanoidi al servizio dell’uomo, gli inventori di tutte le epoche hanno sognato i robot, anche se si chiamavano robot. automi o servitori automatici. Anche la letteratura, il cinema e i videogiochi non sono rimasti indietro.

Una delle creazioni più iconiche considerate un robot è stata quella conosciuta come il Elektro e che era accompagnato dal suo cane mascotte Sparko. Alto due metri, Elektro poteva parlare, muoversi, fumare una sigaretta e persino gonfiare un palloncino. Queste e altre funzioni sono state portate all’attenzione del grande pubblico attraverso spettacoli promozionali in giro per gli Stati Uniti, esibizioni nei parchi a tema e apparizioni nei film di Hollywood.

Così, mentre i giovani di oggi parlano con Siri o Alexa e quelli di noi che sono stati bambini negli anni ’90 sono stati intrattenuti dalla robot Emilioi neonati del secolo scorso hanno incontrato il Elektroun robot umanoide di grandi dimensioni che, anche se oggi non lo conosciamo, è certamente potremmo averne visto delle versioni in serie come Futuramafilm come Ultimatum alla Terra, giocattoli vintage o di videogiochi come quelli della saga Fallout o Bioshock.

Credito: Il Museo commemorativo di Mansfield

Il primo robot umanoide al mondo

Il suo aspetto era imponente. Più di due metri di altezza120 kg di peso. Ma il suo volto era amichevole. Ciò è stato favorito dalle funzioni di robot umanoide. Per cominciare, potrebbe parlare. Questo perché aveva un registratore a nastro integrato a 78 giri con 700 parole registrate. Inoltre muovere braccia, gambe e testa. In un totale di 26 movimenti diversi, che comprendevano anche il contare sulle dita o il fumare. E con i sensori negli occhi poteva distinguere tra luce rossa e verde.

LEGGI  Twitter ritarda il nuovo Twitter Blue per paura di interferenze nelle elezioni americane.

Non male per un gadget che consisteva essenzialmente in. ingranaggi in acciaio, cammeuno scheletro e dei piccoli motori ricoperti da un armatura in alluminio che gli ha conferito quell’aspetto caratteristico che è diventato di moda nella fantascienza per decenni.

Il creatore di Elektro è stato l’ingegnere americano Joseph Barnett, che ha creato questo robot su espressa richiesta della società per cui lavorava, la Westinghouse Electric Corporation. Il progetto è stato avviato nel 1937 ed è stato presentato al pubblico due anni dopo, in occasione del Esposizione universale di New York del 1939. Un evento che ha segnato un prima e un dopo e di cui ho già parlato in un articolo dedicato a come immaginavano il futuro nel 1939 e in un altro sui mitici treni Mercury e il loro design futuristico.

Bene, allora. Elektro faceva parte di questa fiera delle invenzioni e delle novità tecnologiche. E l’anno successivo ha avuto anche la compagnia del suo animale domestico, anch’esso robotico, il cane Sparko. Anche questo è stato costruito con una copertura in alluminio a forma di cane robot, all’interno della quale si muovevano fili, motori e altri meccanismi. Il risultato è una macchina amichevole che abbaiava, camminava, scodinzolava e si è seduto.

Video di YouTube

Un’invenzione trasformata in spettacolo

Anche se aveva più cose in comune con il automi dei secoli precedenti o con le macchine dell’epoca, fu la prima volta che vennero impiegate tecnologie che avrebbero richiesto decenni per essere perfezionate ed essere realmente utili. Il controllo vocale, ad esempio. Nel caso di Elektro, è stato necessario utilizzare l’opzione cornetta di un telefono dell’epoca per inviare gli ordini. Ed egli rispose in questo modo. Poi, durante le conversazioni, sfogava le singole parole. Ma, insistiamo, per una macchina creata nel 1939, è stata una bella sorpresa per chi l’ha vista dal vivo.

Tutto sommato, non bisogna togliergli alcun merito. La Westinghouse Electric Corporation, l’azienda che ha creato questo robot umanoide, ha continuato a registrare oltre 28.000 brevetti negli Stati Uniti. È stata la terza azienda più brevettata della storia. Specializzata in elettricità e macchinari elettrici, produceva di tutto, dai generatori a turbina ai motori per aerei, ai motori industriali, ai televisori, alle radio, ai ferri da stiro e alle asciugatrici elettriche, partecipando anche a progetti per la realizzazione di centrali nucleari o linee ferroviarie elettriche.

Tutto questo durante la lunga vita di un azienda nata nel 1886 che negli anni ’90 venderà le sue divisioni di elettronica ed elettrotecnica per concentrarsi sul settore televisivo dopo ha acquisito la rete CBS nel 1995una delle più grandi reti in chiaro degli Stati Uniti.

Video di YouTube

L’emozionante vita di Elektro

Essendo il primo della sua specie, non c’è da meravigliarsi che ha attirato l’attenzione del mondo intero. È apparso in pubblicazioni dell’epocaLe registrazioni sono state fatte per il cinema e la TV e, naturalmente, la sua immagine è stata sfruttata come una attrazione da fiera durante i primi decenni di vita. Anche se dal punto di vista tecnico si trattava di un esperimento promettente, ma ancora molto verde, è stato una grande attrazione per conquistare il favore del pubblico e far conoscere l’azienda in cui è nato.

Così, durante gli anni Cinquanta e Sessanta, ha compiuto diversi viaggi in giro per gli Stati Uniti, in modo che tutti potessero vedere dal vivo i suoi movimenti, il modo in cui parlava con il presentatore e altre inimmaginabili avventure dell’epoca in un robot, come ad esempio gonfiare un palloncino o fumare. Ed è persino entrato a far parte degli spettacoli della Parco dell’Oceano Pacifico nel 1958. In questo parco divertimenti, Elektro faceva parte dell’equipaggio del sottomarino nucleare Nautilus. O meglio, una sua replica in scala.

Anche il robot umanoide Elektro ha mosso i primi passi. nel settore audiovisivo. La sua prima apparizione è stata, ovviamente, nel 1939 in un video promozionale per la Westinghouse Electric Corporation in cui si è fatto conoscere. Il video si intitolava La famiglia Middleton all’esposizione universale di New York. Ma il suo ruolo più ricordato è quello nel film del 1960 I gattini sessuali vanno al college. In questa commedia sgangherata ha interpretato il ruolo di S.A.M. Thinko in una scena di nove minuti accompagnata da ballerine di striptease.

Due versioni di Elektro e di suo fratello maggiore Herbert
Credito: Il Museo commemorativo di Mansfield

Che fine ha fatto il primo robot umanoide

Dopo quasi trent’anni di spettacoli, viaggi e apparizioni pubbliche, la vita di Elektro si è conclusa. Oggi, Elektro fa parte del Gruppo Museo commemorativo di Mansfield, situato nella città di Mansfield in Ohio, USA. Questo curioso museo conteneva originariamente cimeli e materiale della guerra civile americana. Ma la sua collezione dedicata al Westinghouse, che tra il 1918 e il 1990 aveva una delle sue fabbriche in quella città, dando lavoro a più di 8.000 abitanti.

Di conseguenza, 250 prodotti sono stati fabbricati tra il 1919 e il 1970. Tra questi spicca il primo robot umanoide, Elektro. Anche se si tratta di una versione restaurata. Ha avuto diverse versioni, come quella apparsa nel film del 1960. E alcuni pezzi sono andati persi. Tuttavia, è possibile vedere l’Elektro restaurato a Mansfield, Ohio.

E nel 1992, il gruppo di musica elettronica Manifesto del Meat Beat ha prodotto la canzone Controllo originale (versione 2) in cui appaiono frammenti di registrazioni vocali di Elektro con la sua inconfondibile voce robotica dell’epoca e che dice cose come Io sono Elektro in inglese.

Nel 2013 lo si è potuto vedere anche alla mostra tenutasi a Il museo Henry Ford a Dearborn, nel Michigan, rievocando le fiere mondiali degli anni Trenta, dove le principali aziende americane presentavano le loro invenzioni più curiose.

Da Sparko si sa poco. Sebbene esistano repliche di entrambi i robot, le loro vite sono state separate. Alcuni suggeriscono che sia stato vittima di un pirata della strada nel 1957 presso lo stabilimento Westinghouse in California. Altri dicono che è stata rottamata. Poco o nulla si sa su cosa sia successo al robot originale.

Guida ai regali di Natale 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *