Ecco come Logitech sta progettando il desktop del futuro.

Logitech non è solo uno dei produttori i cui prodotti sono i più utilizzati negli uffici e sulle scrivanie di tutto il mondo, ma è anche uno dei leader nel settore dei giochi e, da qualche tempo, dello streaming. L’azienda sta puntando molto sulle nuove tecnologie in un momento di esplosione del telelavoro.

E lo fa grazie a due fattori fondamentali, che non sono importanti solo per l’aziendama anche per il suo rapporto con gli utenti e l’ambiente: sostenibilità ed ergonomia.

In un momento in cui tutti gli occhi sono puntati sull’efficienza energetica, sull’uso di materiali riciclati e, soprattutto, sulla semplificazione della vita di chi sceglie di lavorare in ambienti misti, casa e ufficio, le sfide per rimanere un punto di riferimento nel settore sono diventate estremamente complicate.

L’azienda ci ha parlato approfonditamente della sfida di combinare sostenibilità e tecnologia nei suoi prodotti e, allo stesso tempo, continuare a offrire un portafoglio di periferiche che rimanga un punto di riferimento nel mercato. È una strategia con cui costruire lo spazio di lavoro del futuro, combinando, come diciamo noi, l’uso di materiali sostenibili e generando un ecosistema che permetta non solo a Logitech, ma anche all’intero settore, di offrire prodotti all’avanguardia che rispettino l’ambiente e l’utente.

Con gli utenti sempre più attenti alla sostenibilità, Logitech ha dovuto ripensare alcuni concetti quando si tratta di progettare lo spazio di lavoro del futuro, di cui i suoi prodotti sono protagonisti. Il punto fondamentale è che ha integrato la sostenibilità nelle prime fasi dei suoi processi di progettazione e sviluppo..

Un processo che Logitech chiama Design per la sostenibilitàIl progetto Design for Sustainability, che consiste essenzialmente nel ripensare la concezione dei propri prodotti con la sostenibilità come punto di partenza fin dalle prime fasi di ogni prototipo, che in futuro diventerà un prodotto utilizzabile da milioni di persone nella loro vita quotidiana.

LEGGI  OpenAI licenzia Sam Altman, il suo amministratore delegato

Lo spazio di lavoro del futuro è in parti uguali sostenibile e ibrido

Laboratori Logitech

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ alt=”” class=”wp-image-1437723 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1437723″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/10/asi-es-como-logitech-esta-replanteando-como-tiene-que-ser-el-espacio-de-trabajo-del-futuro/logitech-labs” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?fit=2560%2C1706&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2560,1706″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“apertura”: “4.”.5″,”credit”:”Kristian Skeie”,”camera”:”NIKON Z 9″,”caption”:”Logitech Labs”,”created_timestamp”:”1664460165″,”copyright”:”Kristian Skeie”,”focal_length”:”61″,”iso”:”1000″,”shutter_speed”:”0.005″, “title”: “Logitech Labs”, “orientation”: “1”}” data-image-title=”Logitech Labs” data-image-description=”” data-image-caption=””

Laboratori Logitech

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”” class=”wp-image-1437723″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?resize=1500%2C1000&quality=60&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?resize=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1 800w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?resize=768%2C512&quality=60&strip=all&ssl=1 768w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Design-7-scaled.jpg?resize=1536%2C1024&qual

Laboratori Logitech

Si tratta di un cambiamento cruciale nel design dei prodotti, il che significa che l’azienda ha dovuto investire enormi sforzi, non solo nella progettazione di nuovi materiali più sostenibili, ma anche nell’ingegneria, nel design e nell’architettura lungo l’intera catena di produzione. Come?

  • Progettando per la sostenibilità, per garantire che ogni generazione di prodotti Logitech sia migliore della precedente, con un’impronta di carbonio sempre minore.
  • Tutti i suoi partner e fornitori, una parte fondamentale della produzione, a passare alle energie rinnovabili. Anche il resto del settore lo farà.
  • Che l’impatto totale residuo della sua impronta di carbonio in ogni fase della catena del valore sia ridotto fino a diventare positivo al 100%.
  • Ripensare completamente l’intera linea di business, innovando i materiali utilizzati nei prodotti, l’intera catena di fornitura e il modo in cui raggiunge gli utenti.

Il risultato diretto è il lancio di prodotti tecnologicamente avanzati e allo stesso tempo rispettosi dell’ambiente. Prendendo ad esempio i recenti MX Mechanical e MX Master S3, Logitech ha ridotto l’impronta di carbonio del 40%, immettendo sul mercato un prodotto che rappresenta un punto di riferimento assoluto per la produttività.

Le sfide non sono state poche: hanno dovuto ottimizzare l’architettura interna della tastiera per utilizzare meno materiali, mantenendo la resistenza e la rigidità del telaio. Il prodotto finale è realizzati con plastiche riciclate e alluminio a basse emissioni di carbonio.rispettoso dell’ambiente.

Logitech

Lungo il percorso, 18 mesi di test su diversi materiali e diversi prototipi sul tavolo da disegno. Un esempio che può essere esteso all’intero catalogo Logitech e che lo diventerà sempre di più nei prossimi mesi e anni. Finora i numeri sono spettacolari, considerando che la maggior parte dei prodotti Logitech utilizza quasi esclusivamente plastica; oggi, il 65% dei mouse e delle tastiere del suo catalogo include plastica riciclata, e l’obiettivo, ovviamente, è di arrivare al 100%.

Anche se può sembrare semplice, Logitech ci ha raccontato quanto sia complicato lavorare con la plastica riciclata per alcuni prodotti. Non solo per le differenze che comporta rispetto alla plastica vergine, ma anche perché significa ripensare i concetti in termini di design e durata. E soprattutto, perché coinvolge ripensare il processo produttivo per continuare a offrire all’utente un prodotto eccellente.

Come un mouse Logitech è progettato per essere sostenibile dall’ideazione alla fine del ciclo di vita.

Tutto inizia con l’approccio al prodotto stesso. A chi è rivolto. Si tratta di un approccio diverso dal resto del settore, in quanto l’azienda progetta i prodotti pensando all’uso individuale, ma per tutti. Logitech afferma che i suoi processi di progettazione si concentrano sulle esigenze individuali rispondendo a bisogni specifici.

Detto questo, è ora di passare alla progettazione. Anche se varia da prodotto a prodotto, Logitech ci ha detto che il processo di sviluppo di un mouse o di una tastiera, ad esempio, può durare tra i 18 e i 24 mesi dall’ideazione alla vendita al dettaglio. E lungo il percorso si presentano tutti gli scenari possibili.

Una volta chiarito il prodotto da creare e i suoi destinatari, si analizzano gli obiettivi di sostenibilità, in un processo che coinvolge tutte le parti, dal design, all’ingegneria, al business, ai fornitori e ai materiali che possono o non possono essere utilizzati. Lungo il percorso, vengono progettati diversi concetti utilizzando vari materiali, i componenti interni e tutto ciò che circonda il prodotto.

Si tratta di una sezione fondamentale, poiché Logitech progetta il prodotto misurandolo in ogni momento. l’impatto dell’estrazione delle materie prime e della produzione. E prendono in considerazione ogni aspetto, dai materiali che possono essere utilizzati per ridurre l’impronta di carbonio nella produzione dei componenti, fino all’assemblaggio finale.

L’intero processo prevede l’analisi dell’impronta di carbonio potenziale durante la produzione di tutte le parti e questo punto include anche i componenti meccanici ed elettrici, nonché l’imballaggio finale che l’utente riceve. Le misure sono fondamentali per il processo decisionale, soprattutto quando si sceglie un materiale o un altro durante la produzione.

Inoltre, l’azienda non si limita a considerare l’impatto del prodotto stesso quando lo progetta e lo produce. In una fase iniziale si considera anche cosa succederà quando il topo lascerà la fabbrica. Per questo motivo si tiene conto dell’impatto dell’intero trasporto, dal viaggio iniziale dalla linea di assemblaggio al centro di distribuzionee poi dal centro di distribuzione allo scaffale del negozio.

L’obiettivo finale di Logitech è di essere al 100% positiva per le emissioni in tutta la sua catena di valore entro il 2030, di avere tutti i suoi prodotti progettati per la sostenibilità e di aumentare l’uso di materiali riciclati post-consumo (PCR) in tutte le linee di prodotti.

Logitech è la prima a puntare tutto sulla sostenibilità, ma la sfida più grande è quella di non essere l’unica.

La sfida, tuttavia, è quella di spingere l’industria a seguire le sue orme. Questo è forse il più difficile. In Logitech hanno alcune idee su come realizzarlo. È stata la prima azienda di elettronica di consumo a impegnarsi a fornire un’etichettatura dettagliata dell’impatto di carbonio sull’imballaggio dei suoi prodotti. Su tutti. Ma non vogliono essere gli ultimi. È un modo per invitare gli altri a seguire le loro orme, rendendo al contempo l’acquirente un consumatore più informato sull’impatto dei prodotti che utilizza. Ed è per questo che hanno progettato il Indice di chiarezza del carbonio.

Ecco una nota importante. Logitech vuole che l’intero settore segua le sue orme, e non ha intenzione di trattenere nulla. L’azienda si dice disposta a condividere con tutti la propria metodologia e i propri processi, con l’idea che altre aziende, compresi i concorrenti più diretti, si uniscano a loro.

L’obiettivo è tanto ambizioso quanto importante: rendere lo spazio di lavoro del futuro il più sostenibile possibile. E sembra che, per il momento, Logitech ci stia riuscendo.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *