DJI migliora la sua soluzione per i droni aziendali con i nuovi Matrice 3D e 3TD e il DJI Dock 2

A distanza di un anno dalla prima generazione, DJI ha annunciato a livello globale il DJI Dock 2un dock di atterraggio e ricarica autonomo che consente di utilizzare i droni a distanza in modo molto più sicuro ed efficiente. Viene inoltre fornito con due nuovi droni DJI Matrice 3D e 3TDprecedentemente annunciati nel mercato asiatico e ora disponibili in tutto il mondo.

Naturalmente, questa nuova serie di droni è compatibile con la base Dock 2 di DJI. e sono, di fatto, una nuova generazione del DJI Matrice 30 che l’azienda ha presentato lo scorso anno. Tuttavia, presenta importanti cambiamenti.

Ora hanno un fattore di forma più piccolo e possono eseguire operazioni a distanza con maggiore precisione grazie all’inclusione di antenne RTK integrate e al rilevamento omnidirezionale degli ostacoli, che funziona automaticamente.

Esistono alcune differenze rilevanti tra il nuovo DJI Matrice 3D e il 3TD. Il modello 3D, in particolare, è un drone progettato per attività autonome di mappatura e rilievo. Comprende un teleobiettivo con un formato equivalente a 162 mm e una fotocamera grandangolare con un formato equivalente a 24 mm. Entrambi sono in grado di produrre mappe per il rilievo e la mappatura in scala 1:500.

Il modello 3DT di DJI, invece, è progettato per le operazioni di sicurezza e di ispezione grazie all’inclusione di una fotocamera grandangolare migliorata. Si tratta di un sensore CMOS da 1/1,32 pollici da 48 megapixel con un formato equivalente a 24 mm. Include anche una telecamera a infrarossi.

DJI Dock 2: un dock più piccolo e versatile

DJI Dock 2

Questi droni, lo ribadiamo, funzionano con la nuova base DJI Dock 2, che è ora fino al 75% più piccola e al 68% più leggera della prima generazione.. Infatti, il DJI Dock 2 pesa 34 kg e misura 570 mm di lunghezza × 583 mm di larghezza × 465 mm di altezza, rendendolo facile da trasportare tra due persone.

LEGGI  Questa intelligenza artificiale è uno streamer ed è stata bandita per aver negato l'Olocausto su Twitch.

Inoltre, il Dock 2 di DJI è dotato di sensori di visione che valutano il sito per verificare se le condizioni del terreno sono stabili e se il terreno è stabile. se l’area ha un buon segnale GNSS. Dispone anche di sensori di temperatura e di precipitazioni per controllare lo stato del vento o della pioggia. In ogni caso, la base è certificata IP551 per resistere all’acqua e alla polvere.

DJI Dock 2DJI Dock 2

Sebbene il DJI Dock 2 sia destinato alle operazioni autonome, gli operatori di droni possono controllare anche la base, nonché il volo e la stabilizzazione dei droni. Inoltre, il dispositivo è dotato di telecamere che consentono ai proprietari di droni di osservare le condizioni sia all’interno che all’esterno della base per verificare, ad esempio, se le condizioni di atterraggio sono ottimali.

La base è anche dotata di un sistema di ricarica che può alimentare il 20-90% della batteria. in poco più di 30 minuti.

DJI non ha ancora confermato i prezzi del DJI Matrice 3D e 3TD, né del Dock 2. L’azienda ha tuttavia dichiarato che questi nuovi dispositivi saranno disponibili dal 26 marzo. L’azienda ha tuttavia dichiarato che questi nuovi dispositivi saranno disponibili per l’acquisto a partire dal 26 marzo.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *