Da leggenda a nuovo numero 1: il sentito messaggio di Rafael Nadal a Carlos Alcaraz

Dopo che Alcaraz è stato incoronato campione degli US Open, Nadal ha subito pubblicato un tweet per congratularsi con il suo connazionale.

© GettyCarlos Alcaraz e Rafael Nadal.

Dopo due intense settimane di puro tennis all’ultimo Grande Slam della stagione, Carlos Alcaraz ha festeggiato il suo primo titolo importante vincendo a la finale degli US Open contro Casper Ruud per 6-4, 2-6, 7-6(1), 6-3.. Ma il premio era doppio per il giocatore di Murcia.

Il fatto è che entrambi i finalisti sono arrivati alla finale con il N. 1 nella classifica ATP tra le sopracciglia. Era chiaro che il vincitore avrebbe conquistato la vetta della classifica a partire da lunedì prossimo ed è stato il 19enne spagnolo ad avere questo onore, diventando il più giovane di sempre a farlo.

Alcaraz era uno dei quattro tennisti con la possibilità di prendere il posto che fino a questa domenica era occupato da Daniil Medvedev. Tra questi, Rafael Nadal era molto vicino a diventare il giocatore più quotato del pianeta, ma il norvegese e lo spagnolo hanno messo fine a questa possibilità.

Tuttavia, a pochi minuti dalla fine della finale, il vincitore di 22 Grandi Slam ha fatto sentire la sua presenza con un messaggio sui social media: “Congratulazioni, Carlos Alcaraz, per il tuo primo Grande Slam e per il numero 1 che è il culmine della tua prima grande stagione che, sono sicuro, sarà ancora lunga!“.

E poi ha anche offerto parole di incoraggiamento al nordico per il suo secondo posto in classifica: “Grande impegno, Casper Ruud, molto orgoglioso di te, sfortunato oggi ma incredibile il torneo e la stagione, continua così!“. L’uomo di Manacor rimarrà nel terzo gradino del Classifica a partire da lunedì.

LEGGI  Il Barcellona lo ha rifiutato nel 2018, ora brilla al Bayern Monaco per 70 milioni di euro
Vittoria
WRITTEN BY

Vittoria

Ciao, sono Vittoria. Sono una redattrice di DFO Media, dove mi immergo nel mondo dello sport, decifrando le tendenze e condividendo le storie che ci sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *