Cosa sappiamo della ChatGPT spagnola in preparazione da parte del governo

Sono passate alcune settimane dal Mobile World Congress di Barcellona, ma un annuncio inaspettato continua a generare rumore. Alla cena di benvenuto dell’evento, Pedro SánchezPresidente della Spagna, ha rivelato che il governo svilupperà un proprio modello di intelligenza artificiale specificamente addestrato allo spagnolo e alle lingue co-ufficiali. E uno dei primi strumenti che ne trarrà vantaggio potrebbe essere un chatbot; una sorta di ChatGPT spagnolo, se vogliamo.

Ma cosa si sa veramente di questo progetto che ha colto tutti di sorpresa? Nonostante il passare dei giorni, i dettagli scarseggiano. Nonostante ciò, siamo riusciti a scoprire qualcosa di più su questa sorprendente iniziativa. Secondo Sánchez, l’intenzione è che la Spagna svolga un ruolo di primo piano nello sviluppo dell’IA.

Non c’è ancora una data precisa per il lancio del ChatGPT spagnolo, ma chi è coinvolto nella proposta è fiducioso che sarà pronto. più avanti nel corso dell’anno. Creare un modello di intelligenza artificiale da zero non è qualcosa che si può ottenere da un giorno all’altro, e questo è più che chiaro. Le aziende leader del settore lavorano su questo tipo di tecnologia da molti anni, evolvendola gradualmente.

Questo non solo perché è complessa, ma anche perché è estremamente costosa. Modelli di IA come GPT-4 (OpenAI), Gemini (Google), LLaMA 2 (Meta) e Claude (Anthropic), solo per citarne alcuni, hanno richiesto investimenti multimilionari per creare centri dati di supercomputer in grado di svolgere il lavoro di formazione.

Tuttavia, Mariona Sanzresponsabile dell’innovazione e dello sviluppo del business presso il Barcelona Supercomputing Center – Centro Nacional de Supercomputación (BCS-CNS), ha dichiarato RTVE che è convinto che una prima implementazione dell’intelligenza artificiale potrebbe essere pronta nel giro di pochi mesi. “Abbiamo il vantaggio di aver già fatto i compiti a casa. Possiamo aspettarci di avere un ChatGPT spagnolo a partire dall’estate”.ha detto.

LEGGI  Grok, l'intelligenza artificiale di Elon Musk e X (Twitter), arriva in Europa

Chi aiuterà a creare il ChatGPT spagnolo del governo?

Chi contribuirà a creare la ChatGPT spagnola del governo | intelligenza artificiale
Il supercomputer MareNostrum 5 Foto Barcelona Supercomputing Center Centro Nacional de Supercomputación

L’annuncio di Pedro Sánchez del progetto del governo spagnolo di creare un proprio modello di intelligenza artificiale ha colto tutti di sorpresa. Secondo i commenti rilasciati al MWC, il progetto coinvolgerà la Accademia Reale Spagnola e il Associazione delle Accademie di Lingua Spagnolamentre l’aspetto tecnico coinvolgerà il già citato BCS-CNS e il Rete spagnola di supercalcolo.

Come ha indicato il presidente, l’intelligenza artificiale che alimenterà il ChatGPT spagnolo sarà addestrata non solo in spagnolo, ma anche nelle altre lingue co-ufficiali. Vale a dire, catalano, basco, valenciano e galiziano.. Sull’implementazione della tecnologia non ci sono ancora dettagli. Sánchez ha parlato di adottarla per la progettazione di politiche pubbliche, oltre che di impiegarla più stabilmente nei settori scientifico e commerciale.

Per quanto riguarda lo sviluppo del software stesso, è stato menzionato che sarà “open source e trasparente”. Secondo le persone coinvolte nel progetto, questo porterà vantaggi molto importanti. In primo luogo, perché una volta disponibile, l’intelligenza artificiale sarà accessibile a chiunque senza dover pagare diritti di licenza. In secondo luogo, perché ci sarà un maggiore controllo sulla qualità e sulla provenienza dei dati utilizzati per addestrarla, evitando problemi legati alla violazione della proprietà intellettuale. In terzo luogo, perché la ChatGPT spagnola sarà sviluppata sulla base delle disposizioni della legge sull’intelligenza artificiale dell’UE.

A questo si aggiunge quanto detto da Josep Maria MartorellVice direttore del Centro di Supercalcolo di Barcellona – Centro Nacional de Supercomputación. “Questo [modelo] sarà addestrato per essere imparziale e rappresentare correttamente tutte le lingue a cui siamo interessati, e sarà anche open source. […] L’obiettivo è che l’IA applicata alla tecnologia linguistica non finisca per semplificare una lingua e togliere tutta la ricchezza che i diversi accenti possono darle”, ha spiegato. Ha detto che stanno già lavorando con l’IA al livello GPT-2 e che con MareNostrum 5 raggiungeranno il GPT-3 entro la fine dell’anno.

LEGGI  Il remake di "Metal Gear Solid 3" in arrivo su PS5

Secondo il BCS-CNS, le informazioni necessarie per creare il modello linguistico annunciato da Pedro Sánchez sono già state raccolte. Il prossimo passo sarà progettare e addestrare l’intelligenza artificiale in questione. Vedremo se le scadenze saranno rispettate ed entro la metà dell’anno il ChatGPT spagnolo sarà una realtà. In ogni caso, siamo ancora in attesa di maggiori dettagli sugli usi pratici che ne verranno fatti.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *