Come usare subito Gemini, la nuova AI di Google

Gemini è l’intelligenza artificiale di nuova generazione di Googlee potete provarla subito. La nuova tecnologia di Mountain View è disponibile da ieri e porta con sé alcune grandi novità.

Il modello è disponibile in tre versioni. Gemini Nano è la variante più piccola e può essere eseguita su dispositivi mobili, mentre Gemini Pro è un passo intermedio. La versione più potente si chiama Gemini Ultra e, secondo il benchmark presentato da Google, supera il GPT-4 di OpenAI praticamente su tutti i parametri.

Se volete iniziare a usare Gemini, Google offre un paio di alternative molto interessanti. Tenete però presente che la versione Ultra sarà disponibile solo dall’inizio dell’anno prossimo e che, inoltre, ci sono alcuni problemi di funzionamento. limitazioni regionali e linguistiche da tenere in considerazione. Questo viene spiegato di seguito.

Bard, l’opzione principale per testare Gemini, la nuova IA di Google

L’opzione principale per testare le capacità di Gemini è tramite BardIl chatbot di Google che fa concorrenza a ChatGPT. Come ha spiegato l’azienda di Mountain View in occasione del suo lancio, la prima versione della sua nuova IA applicata a questo bot è disponibile in 170 Paesi, ma per il momento può essere utilizzata solo con richieste Testo in inglese.

Nel nostro caso, abbiamo effettuato i test dall’Argentina e i risultati sono davvero interessanti. E sono anche piuttosto sorprendenti. Cosa fare, dunque? Solo entra in Bardo e inizia a fare domande o richieste in inglese.

La cosa davvero curiosa è che se chiedete a Bard in spagnolo se utilizza Gemini, la piattaforma di Google vi risponderà di no. Lo si può vedere nell’immagine seguente:

Tuttavia, se lo chiedete in inglese, Bard vi risponderà di sì, che è alimentato da Gemini, e vi fornirà un riassunto delle caratteristiche della nuova IA di Google. Ecco il risultato ottenuto durante il nostro test:

Google Gemini

Si deve tenere presente che l’opzione migliore per testare Gemini è iniziare una conversazione da zero con Bard. Se iniziate a chiederglielo in spagnolo, ma all’interno della stessa chat passate all’inglese, il chatbot inizierà a rispondervi in inglese, ma non utilizzerà la nuova intelligenza artificiale.

LEGGI  Non aspettate Sora di OpenAI: altre IA video gratuite da usare subito

Durante la presentazione, Google ha riferito che Bard è ora alimentato da Gemini Pro. Ciò significa che le sue capacità sono alla pari – o superiori, secondo i californiani – a quelle di GPT-3.5. Come abbiamo già indicato, Gemini Ultra sarà la versione che andrà a colpire la giugulare di GPT-4, e quando sarà disponibile lo farà con una versione dedicata del chatbot che si chiamerà Bard Advanced.

Quando abbiamo chiesto a Bard quale versione di Gemini stesse utilizzando, per vedere se la piattaforma avesse qualche remora a fornire tali informazioni, ci ha risposto senza mezzi termini. Dice che Gemini Pro è la versione più avanzata dell’IA di Google, il che non è vero, vista l’esistenza di Ultra. Ma si tratta di un piccolo “lapsus” che può essere trascurato.

Google Gemini

Anche se Google chiarisce che il nuovo Bard con Gemini funziona con prompt Testo in inglese, è anche possibile allegare un’immagine e chiedere, ad esempio, di riconoscere cosa c’è nell’immagine.. L’aspetto interessante è che non si limita al contenuto della foto stessa, ma sfrutta i metadati per aggiungere informazioni aggiuntive come il contesto. Per esempio, gli ho chiesto di descrivere ciò che vedeva in una foto con un cartello vintagee questo è stato il risultato:

Google Gemini

Questo è solo un breve assaggio delle possibilità offerte da Bard, grazie a Gemini, la nuova intelligenza artificiale di Google. È anche possibile chiedergli di generare codice in diversi linguaggi di programmazionepartendo da semplici spiegazioni ed essendo in grado di aggiornare il codice script al volo. Si tratta di qualcosa che esisteva già in precedenza, ma che ora incorpora una serie di miglioramenti.

Inoltre, è possibile chiedere di scrivere poesie o storie. L’aspetto negativo è che non è ancora possibile accompagnarli con immagini generate sinteticamente, un’opzione che è disponibile in ChatGPT con DALL-E 3.

Google Gemini

Alcune limitazioni

Come spiegato in precedenza, è possibile utilizzare Gemini su Bard solo se gli si fornisce promtps Testo in lingua inglese. Google promette di dotare il suo nuovo modello di intelligenza artificiale del supporto per altre lingue nel prossimo futuro, anche se non ha fornito dettagli specifici.

LEGGI  "Nonostante l'approdo in un momento difficile, la Spagna è uno dei mercati europei con le migliori performance per Vivo.

Ci sono anche limitazioni sui tipi di foto che si possono caricare sul chatbot. Google non consente a Gemini di analizzare immagini che includono persone., anche se si tratta di personaggi pubblici.

L’aspetto forse più problematico, però, è il blocco regionale. È possibile utilizzare Bard con Gemini in 170 paesi, ma non in Europa. È probabile che ciò sia dovuto a questioni normative, considerando che il chatbot di Google è arrivato nell’UE più tardi rispetto ad altri territori. Mountain View non ha fornito una data per la disponibilità europea, limitandosi a dire che sarà “nel prossimo futuro”.

A la pagina di supporto Google fornisce un elenco completo dei Paesi in cui è possibile utilizzare la versione Gemini Pro. Per il momento, non è possibile cambiare manualmente la regione dal sito web del chatbot. Ma se vi trovate nell’UE e volete tentare la fortuna, è possibile accedere alla piattaforma tramite una VPN..

Gemelli sul Pixel 8 Pro

Modulo fotografico di Google Pixel 8 Pro

Google ha portato Gemini anche sul Pixel 8 Pro con il suo ultimo aggiornamento Android. In questo caso, si tratta della versione Nano dell’intelligenza artificiale e conferisce allo smartphone un paio di nuove funzionalità. La prima consente creare riassunti delle registrazioni audio effettuate con il telefono cellulare.. Tuttavia, funziona solo in inglese.

In secondo luogo, sono suggerimenti di risposta intelligente per WhatsApp da Gboard. Sebbene questa funzione sia disponibile a livello globale, funziona solo se la tastiera di Google è impostata sull’inglese statunitense. I californiani promettono che nei prossimi aggiornamenti arriveranno altre opzioni basate su Gemini.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *