Come l’intelligenza artificiale sta dominando l’industria della moda cinese

Qualche anno fa, la percezione generale dell’intelligenza artificiale era completamente diversa. La comparsa di ChatGPT ha fatto improvvisamente riflettere tutti su questa tecnologia rivoluzionaria.. L’implicazione più ovvia, come nel caso della calcolatrice e poi del personal computer, era che solo le attività più tecniche e noiose sarebbero state automatizzate. Mentre i processi creativi come la pittura, la cinematografia, la recitazione, le cose che le persone amano fare, sarebbero state risparmiate. Oggi sappiamo che non sarà così.

Chi avrebbe immaginato un paio di anni fa che anche il romanticismo sarebbe stato automatizzato? La maggior parte di noi pensava che la storia di Her (uscita nel 2013) sarebbe diventata realtà non prima del 2040. Ma questa realtà è già qui. La verità è che nessuno ha idea di quale sarà l’uso dell’intelligenza artificiale o di come verrà utilizzata in futuro. Infatti, più si sviluppa, più si sposta verso un dominio generale, lontano dallo specifico. Secondo Max Tegmark, stiamo assistendo alla nascita di una nuova forma di vita. Una forma di vita che rifiuta di essere etichettata.

Era quindi solo questione di tempo prima che l’industria della modellazione scegliesse di tagliare i costi, generando campagne di modellazione in un istante grazie all’intelligenza artificiale. E naturalmente il primo luogo in cui questa pratica si è diffusa è la Cina di oggi. Non appena il suo utilizzo si è diffuso, sono emersi una serie di problemi. molto inquietante.

Uno strumento che ha scosso il settore

Nel 2020, il gigante cinese Alibaba ha realizzato disponibile sulla sua piattaforma un generatore di modelli digitali, chiamato Taji. I commercianti potevano scegliere tra un centinaio di modelli diversi, di età e razza diverse.. In seguito avrebbero caricato le immagini dei loro prodotti e il programma avrebbe generato le immagini dei modelli che indossavano quegli abiti. Secondo un rapporto di Alibaba, alla fine del 2022 29.000 venditori avevano utilizzato Taji per produrre più di 1,6 milioni di immagini generate dall’intelligenza artificiale. Da allora il numero deve essere aumentato notevolmente.

LEGGI  Il motore di ricerca You.com lancia il proprio ChatGPT con risposte rapide, ma ha un problema enorme

L’enorme attrattiva di questa alternativa virtuale è che riduce drasticamente i costi, come accade ogni volta che un compito viene automatizzato. In media, un modello reale in Cina costa tra i 1400 e i 1600 yuan all’ora (200-225 dollari).. Senza contare tutte le altre spese che un servizio fotografico professionale comporta: truccatori, fotografi, affitto del set, ecc. Mentre Taji di Alibaba è gratuito. Esiste anche la possibilità di ingaggiare illustratori professionisti, che utilizzando il generatore Stable Difusion sono in grado di fornire un prodotto molto più realistico e personalizzato. Questa alternativa non è gratuita, ma è molto più economica del processo tradizionale.

Questo è il dilemma che ogni industria del mondo dovrà affrontare prima o poi. È una sorta di dilemma del prigioniero, perché la maggior parte delle aziende probabilmente preferisce lavorare con modelli reali, per tutti i vantaggi insiti nel processo creativo. Tuttavia, cosa succede quando i vostri concorrenti iniziano a risparmiare denaro pur realizzando più campagne pubblicitarie che mai? La natura della concorrenza può costringere gli addetti al marketing a decidere di utilizzare l’alternativa più economica.

Anche lazienda Levis ha sperimentato campagne con modelli generati dallintelligenza artificiale Offrendo ai clienti la possibilità di cambiare letnia e la corporatura del modello in uno più simile al proprio

Uno standard di bellezza fittizio

Il problema è che la stragrande maggioranza delle immagini generate da queste intelligenze artificiali sono piuttosto simili, in modo inquietante. Naturalmente c’è una maggiore richiesta di modelli femminili. Le donne di queste fotografie virtuali rappresentano uno standard di bellezza tipico delle serie di animazione giapponesi.occhi giganti, fianchi larghi, figura straordinariamente snella, seni enormi e un viso piccolo e infantile. È grottesco che queste donne finte, sessualizzate all’estremo, vengano utilizzate per vendere vestiti a donne reali. Molti utenti riferiscono che queste modelle virtuali assomigliano ad attrici pornografiche. Il che è curioso, visto che i potenziali clienti non sono uomini eterosessuali.

LEGGI  Questo albero di Natale olografico è tanto impressionante quanto pericoloso.

È emerso che un software come Stable Diffusion genera immagini basate su modelli di apprendimento automatico. La maggior parte degli illustratori sceglie il modello ChilloutMix, che è stato addestrato con il database Civitai, seguendo la parola chiave “doll-likeness”. Ciò significa che il processo è viziato fin dall’inizio.La tecnologia ha un pregiudizio per cui è incline a creare immagini di donne che hanno poco a che fare con l’aspetto di una donna reale.

Un post virale sul social network cinese Weibo mette a confronto le foto di una modella umana a sinistra con una selezione di immagini generate dallintelligenza artificiale Il post sostiene che le modelle virtuali sono superiori a quelle reali

Ci si aspetta che le aziende reagiscano e si impegnino per far sì che i loro modelli generati dall’intelligenza artificiale non assomiglino più a bambole gonfiabili. In Cina il settore è dominato dagli uomini, , il che spiega come nessuno abbia notato un problema fino a quando le utenti femminili non si sono lamentate.. È logico che il sessismo della società si infiltri in tecnologie come questa. La consapevolezza di questi pregiudizi inconsci è essenziale per risolvere il problema.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *