Come è nato Google Chrome, il browser utilizzato in tutto il mondo

Googlee la sua matrice Alfabetoè quello che è oggi grazie a buone decisioni prese al momento giusto. Per cominciare, l’offerta di un motore di ricerca minimalista con risultati utili. Quindi, utilizzare questo motore di ricerca per vendere pubblicità. Con il tempo ha ampliato il suo catalogo di prodotti e servizi, molti dei quali gratuiti. Oggi siamo abituati a vedere i telefoni cellulari Pixel, dispositivi Chromecast per il televisore o Chromebook. Ma per arrivarci è stato necessario prendere molte decisioni e superare ostacoli interni. È stata proprio la nascita di Google Chrome a dare origine a quello che oggi è Google come fornitore di software come Android, Cromo o Chrome OS presenti su milioni di dispositivi di decine di produttori.

Grazie a Google ChromeIl motore di ricerca di Google ha raggiunto i computer di milioni di persone che prima non lo utilizzavano. Per disinteresse o ignoranza. La sua strategia era simile a quella impiegata da Microsoft con Internet Explorer. Microsoft ha sfruttato la popolarità di Finestre di conquistare il mercato dei browser offrendo Internet Explorer di default. E Google ha usato il suo motore di ricerca per pubblicizzare Google Chrome. E viceversa. La storia gli ha dato ragione, visto che ha superato Firefox ed è ora presente su milioni di dispositivi desktop e mobili. In parte, anche perché il suo sistema Android è presente sulla maggior parte dei telefoni. In pratica, tutti i telefoni non Apple. Il browser predefinito di Android è Google Chrome.

Chrome è diventato un marchio vincente. Un browser onnipresente. Non c’è da stupirsi che in seguito, è servito come base per Chrome OSil sistema operativo creato da Google per computer economici basati su applicazioni e servizi cloud. Tutto da Google, ovviamente. E con la diffusione del motore Chrome, CromoGoogle ha fatto in modo che gli altri browser fossero basati su Chrome. Alla fine, Microsoft si è arresa e ha introdotto Chromium in Edgeil suo successore di Internet Explorer. Qualcosa che ha fatto anche Opera. E, per ora, solo Mela y Mozilla stanno tenendo testa alla guerra dei browser. Ma partiamo dall’inizio.

LEGGI  James Webb cattura l'impressionante "scheletro" dei Pilastri della Creazione
Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”La nascita di Google Chrome è stata accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708812 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1708812″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/nacimiento-google-chrome/paginas-comic-google-chrome” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Google Chrome Comic Pages” data-image-description=”” data-image-caption=””

Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Paginas-Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”La nascita di Google Chrome fu accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708812″ wp-element-caption”>Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome. Credito: Scott McCloud / Google

Perché Google ha bisogno di un browser?

Questa domanda è stata posta molte volte negli uffici di Google. Inoltre. L’amministratore delegato di Google Eric Schmidtdal 2001 al 2011, sempre aveva resistito di spendere risorse, tempo e dipendenti per sviluppare un browser web. Se fosse stato per lui, la nascita di Google Chrome non sarebbe mai avvenuta. Google era già popolare tra il pubblico in generale e i browser dell’epoca includevano già il loro motore di ricerca come opzione predefinita. Se ne sono assicurati loro stessi. È noto che le finanze di Google Mozilla Firefox per anni di includere Google come motore di ricerca predefinito. Anche oggi, essendo, in apparenza, rivali.

Quando Schmidt ha iniziato a ricoprire il ruolo di CEO di Google, il browser più diffuso era il Internet Explorer. Prima ho spiegato una delle cause. E d’ora in poi, Mozilla Firefox nel 2010 ha gradualmente conquistato il primo posto. Nel 2001, il motore di ricerca più popolare era Yahoo! seguito da MSN (di Microsoft) e Aol. Più che motori di ricerca, erano portali ricchi di sezioni, categorie e contenuti vari. Google era anche lì, tra le quattro grandi, a dividersi equamente il mercato. Ma dal 2002 è iniziato il declino della competizione e Google è stato incoronato come il primo motore di ricerca. Torniamo quindi alla stessa domanda: perché Google ha bisogno di un proprio browser? Se, inoltre, aveva già un barra di ricerca che ha operato in Internet Explorer y Firefox.

Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”La nascita di Google Chrome è stata accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708815 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1708815″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/nacimiento-google-chrome/mas-paginas-comic-google-chrome” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Mas Paginas Comic Google Chrome” data-image-description=”” data-image-caption=””

Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Mas-Paginas-Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”La nascita di Google Chrome fu accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708815″ wp-element-caption”>Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome. Credito: Scott McCloud / Google

Un’idea ambiziosa che avrebbe cambiato tutto.

Con tutto, Sergey Brin y Larry Page ha deciso di sviluppare Chrome in proprio assumendo diversi sviluppatori. Inizialmente, avrebbero avuto il compito di contribuire a migliorare Mozilla Firefox. Un progetto open source a cui Google ha partecipato in modo disinteressato. O meglio, no. E il fatto è che dietro questo lavoro per migliorare Firefox, era in corso lo sviluppo di un nuovo browserche doveva essere l’embrione di Cromo.

Infatti, uno dei responsabili della nascita di Google Chrome è stato un certo Sundar Pichai. Dal 2015 è CEO di Google e la sua matrice, Alfabeto. Nato nel 1972 in India, ha studiato ingegneria metallurgica nel suo paese d’origine e ha poi proseguito gli studi presso l’Università di Parigi. Università di Stanford nella scienza e nell’ingegneria dei materiali. Nulla lasciava presagire che la sua formazione accademica lo avrebbe condotto a un’azienda tecnologica come Google. Ma dopo aver conseguito un MBA presso la Università della Pennsylvaniaha lavorato per un breve periodo come consulente e alla fine ha iniziato la sua carriera in Google nel 2004 come product manager.

Innanzitutto con la barra di ricerca di Google. Poi con altri prodotti del passato, come ad esempio Ingranaggi di Google o Pacchetto Google. E quando è stato lanciato il progetto che avrebbe dato vita a CromoPichai è stato incaricato di guidarla. E sebbene l’Amministratore Delegato all’epoca non fosse d’accordo in linea di principio, la primi prototipi che gli ha insegnato Brin y Pagina gli ha fatto cambiare idea.

Tuttavia, non hanno avuto vita facile. Fin dall’inizio, dal 2004 sono iniziate ad emergere voci sul progetto. Google era già un’azienda alla moda e ogni nuovo prodotto lanciato riceveva l’attenzione dei media. Questo ha comportato un’ulteriore pressione e responsabilità per il team di Sundar Pichai. Tuttavia, lo sviluppo di Cromo è stato lanciato solo nel 2006. A quel tempo, Pichai era già Vice Presidente del Prodotto e aveva partecipato a progetti come Google Drive, Gmail o Google Maps.

Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”La nascita di Google Chrome è stata accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708816 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1708816″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/nacimiento-google-chrome/comic-google-chrome” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Google Chrome Comic” data-image-description=”” data-image-caption=””

Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Comic-Google-Chrome-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”La nascita di Google Chrome fu accompagnata da un fumetto” class=”wp-image-1708816″ wp-element-caption”>Pagine del fumetto che ha accompagnato il lancio ufficiale di Google Chrome. Credito: Scott McCloud / Google

La nascita di Google Chrome

Può darsi che Sundar Pichai è il il volto più visibile del progetto che ha creato Google Chrome. Ma ci sono molti nomi meno noti che hanno reso possibile il browser di Google. Ad esempio, Linus Upson. Ex dipendente di NeXT (1993-1995) o Netscape (1996-1997), è stato vicepresidente del settore ingegneria di Google dal 2005 al 2014. E poi dal 2017 a oggi. Un altro nome importante è Darin Fisheruno dei responsabili dell’architettura multi-thread di Chrome e che è diventato vicepresidente di Google Chrome.

Il design dell’interfaccia è stato affidato a Arnaud Weber, Glen Murphy, Brian Rakowski y Ben Goodgertra gli altri. Quest’ultimo è stato Lead User Interface Engineer per Chrome e Chrome OS. A questo elenco vanno aggiunti molti altri nomi che sono stati coinvolti nel progetto direttamente o indirettamente, poiché Google Chrome ha incorporato il codice open source fin dall’inizio. Di conseguenza, il codice di Chrome era disponibile per altri sviluppatori.

Il fatto è che nel settembre 2008A due anni dall’avvio dello sviluppo di Chrome, dopo vari tentativi e approssimazioni, il nuovissimo browser di Google è stato presentato al pubblico. Per allora, Sundar Pichai era già Vicepresidente Sviluppo Prodotti. Il lancio è stato un successo. Da un lato, la stampa specializzata era ansiosa di vedere il nuovo prodotto di Google. D’altra parte, Google si è assicurata che il lancio andasse bene. Ha fornito una versione di prova in anticipo e ha diffuso un fumetto che spiegava il funzionamento e i vantaggi del nuovo prodotto. Google Chrome.

I test acidi indicano che il browser è conforme agli standard web.

La migliore lettera di presentazione

Come abbiamo visto in precedenza, quando Google Chrome era disponibile per il grande pubblico, i browser più diffusi erano Internet Explorer y Mozilla Firefox. Il primo ha portato con sé la popolarità impostagli dal fatto di essere il browser predefinito e per essere diventato, di fatto, lo standard per molti siti web che funzionavano solo con Internet Explorer. Ma nel 2008, Firefox era già un alternativa da considerare. Nel complesso, Chrome si è fatto spazio grazie al suo buon design.

Chrome è partito da un interfaccia minimalista in linea con il suo funzionamento. Era veloce e compatibile con il standard web che stavano già prendendo piede grazie agli sforzi di W3C e altre associazioni. Pertanto, sin dalle prime versioni, Chrome ha già superato i test Acido. Per renderlo possibile, il team responsabile ha assemblato il browser con componenti propri e molti esterni: SQLite, DOM, NPAPI, JavaScript, HTML5

Video di YouTube

Acquisire il mercato a tutta velocità

L’adozione di Google Chrome da parte degli utenti sin dal suo esordio, iniziato con l’1% del mercato nel primo anno. All’inizio esisteva solo una versione per Windows. Dovremmo aspettare il 2010 per avere le versioni stabili di Windows, OS X y Linux. Nel 2011 avrebbe già il 16% del mercato. E solo nel 2012 sarebbero arrivate le prime versioni per Android. Parallelamente, Google ha iniziato a suggerendo di scaricare il loro browser web non appena si apre il browser. Un modo per guadagnare seguaci, proprio come aveva fatto Microsoft a suo tempo.

L’ultima grande spinta è arrivata con Android. Non appena Android è diventato il sistema operativo predefinito per la maggior parte dei produttori di telefoni cellulari, Google ha reso il suo browser lo standard sostituendo il browser precedente con un nome generico. Oggi Chrome è la prima scelta principale su desktop, smartphone e altri dispositivi connessi. E ha subito polemiche e critiche. Come il suo consumo di memoria esagerato o i suoi recenti piani per controllare le estensioni di terze parti.

In breve, la nascita di Google Chrome è stato un punto di svolta a Google. Si trattava di una grande scommessa sullo sviluppo del software e, allo stesso tempo, di un modo per guadagnare seguaci ed espandere il proprio mercato. Attraverso il motore di ricerca potevano pubblicizzare il loro browser. E con entrambi hanno introdotto l’utente ad altri servizi come Gmail, Maps, Drive o YouTube. Con Android y Chrome OS hanno perfezionato la tecnica generando un proprio ecosistema alla pari di quelli già maturi di Microsoft o Mela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *