Che ne è stato di Kim Dotcom, il creatore di Megaupload che ha segnato un’epoca?

C’è stato un tempo in cui se volevi vedere un film non c’era altra scelta che andare al cinema, comprarlo o noleggiarlo. E se era in televisione, o lo si registrava o lo si perdeva. Prima del successo di piattaforme come Netflix, Prime y Filmininternet è diventato un canale perfetto per condividere liberamente i contenuti. Questo fino a quando l’industria dell’intrattenimento statunitense non ha fatto un colpo di mano. Un colpo che è servito solo a smuovere il vespaio. Milioni di persone seguivano condivisione di filema stavano emergendo metodi sempre più sofisticati. E poi una certa Kim Dotcom con un approccio diverso alle applicazioni P2P. Un’idea che non è piaciuta affatto all’industria audiovisiva.

Prima Spotify, Apple Music e altre piattaforme di streaming, la musica veniva condivisa tramite newsgroup, forum, server FTP, pubblici o privati, e persino IRC o ICQ. Qualsiasi strumento andava bene per scambiare un brano o due in un’epoca in cui le connessioni erano lente e l’industria non rendeva le cose facili di consumare contenuti online. Poi sono arrivate le applicazioni P2P. Napster, eDonkey e il loro fratello minore eMule, KaZaa e molti altri, ha permesso trovare e condividere i file contenenti canzoni, immagini o film.

I giganti dell’intrattenimento si sono scagliati contro questi strumenti in successione cause e azioni legali. La stessa cosa che è accaduta con il VHS alla fine del XX secolo si è ripetuta con Internet nel primo decennio del XXI secolo. In questo contesto, in cui il pubblico richiedeva contenuti, l’industria non li offriva in formato digitale e sono emerse alternative per il consumo di musica e video su Internet, è emersa la figura di Kim Dotcom. Un hacker tedesco che aveva fatto fortuna nel campo della sicurezza informatica e che intendeva creare un nuovo modo di condividere i file. Nella nuvola. Nessun sotterfugio, nessun protocollo P2P. Inutile dire che l’industria musicale e cinematografica non ha gradito.

Il particolare curriculum di Kim Dotcom

Kim Schmitz, poi Kimble, oggi Kim Dotcom
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpsenwikipediaorgwikiKim DotcommediaFileKim Schmitz cropped and editedjpg>Andreas Bohnenstengel Wikipedia<a><span>

Kim SchmitzTedesco di nascita, è meglio conosciuto con il suo pseudonimo su Internet, Kim Dotcom. Alla fine di gennaio ha compiuto 50 anni. E, a quanto pare, risiede ancora in Nuova Zelandanonostante le autorità non siano state molto benevole nei suoi confronti quando ha combinato il pasticcio di Megaupload. La Germania, tuttavia, è più severa in materia di leggi sulla proprietà intellettuale. Ma non esageriamo.

Con madre finlandese e padre tedesco, Kim Schmitz ha il profilo del classico hacker. Come Kevin Mitnick o Michael Calce “MafiaBoy”. Già negli anni ’90, nel suo paese d’origine, la Germania, si cominciò a parlare di lui per i suoi trucchi da hacker. Sotto vari pseudonimi. Il primo Kimblein seguito Kim Tim Jim Vestor e infine, Kim Dotcom. Legalmente, il nome è stato cambiato nel 2005.

LEGGI  Samsung Galaxy S20 riceve la versione beta di Android 13

Già nel 1992 è diventato noto ai media come hacker ed esperto di sicurezza informatica. Viene persino citato nella rivista Forbes. Il tuo capacità di comunicazione e il l’ignoranza tecnologica dell’epoca gli aprì molte porte nelle redazioni dei media. E come spiega la rivista WiredKim Dotcom, all’epoca Kimble, si è costruito un’immagine di hacker di primo piano rivendicando il merito di hacking difficili da verificare.

Ad esempio, ha affermato di controllare centinaia di sistemi PBX di aziende statunitensi e vendendo i loro accessi per 200 dollari l’uno. Oppure di aver trasferito 20 milioni di dollari dai conti della Citibank a Greenpeace. Greenpeace stessa ha negato tutto ciò. E anche se c’è stato un hackeraggio di Citibank nel 1996, è stato effettuato da un gruppo di hacker russi. Ha inoltre affermato di aver avuto accesso a ai computer della NASA o del Pentagono.

Impegnarsi a modo proprio

Kim Dotcom si è creato un'immagine mediatica come esperto di cybersicurezzaKim Dotcom si è creato un'immagine mediatica come esperto di cybersicurezza

Quello che sappiamo è che, nel 1994, Kim Dotcom è stato arrestato per traffico di numeri di carte telefoniche rubate. E nel 1998 è stato condannato per frode informatica y spionaggio informatico. Più tardi, nel 2003, sarà processato e condannato per appropriazione indebita. È stato coinvolto in una frode sui numeri di pagamento che gli ha fruttato più di 60.000 dollari. Ma non tutto ciò che Kim Dotcom ha fatto è illegale. La sua fama lo ha aiutato ad avviare una società di sicurezza informatica, Data Protect. Ha continuato ad avere clienti del calibro di Lufthansa.

Il successo della sua azienda di cyber-sicurezza lo ha portato a sviluppare un veicolo futuristico, il Megacar. Un’auto di lusso connessa a Internet che integrava un Pentium III con Windows NT, un router, un sistema di videochiamata con più telecamere e uno schermo da 17 pollici. Utilizzava anche 16 connessioni GSM. Era in anticipo sui tempi e non è mai decollata. Il prezzo era di 90.000 dollari.

Il fatto è che nel 2000 Kim Dotcom, all’epoca Kim Schmitz, ha venduto l’80% delle sue azioni di Proteggere i dati a un gruppo tedesco, TÜV Rheinland. Il restante 20% sarà detenuto dalla nuova società di investimento, Kimvestor. Uno dei suoi investimenti più famosi è stato quello nel sito web Letsbuyit. L’ha acquistata per 375.000 euro quando era sull’orlo del fallimento, ha annunciato che avrebbe investito 50 milioni di euro e la sua rivalutazione gli ha fruttato 1,5 milioni di euro.

LEGGI  Meta continua a fare tagli: Portal, i suoi display intelligenti, sarà eliminato

Tuttavia, dovette “andare in esilio” in Thailandia per sfuggire alla giustizia tedesca. Questo non gli ha impedito di essere deportato in Germania e di essere processato e condannato nel 2003, come ho già detto. Uscito di prigione, è emigrato a Hong Kong, dove ha creato una rete di società, Trendaxdi investire nell’intelligenza artificiale. Nel 2003. Ma non ha funzionato e ha finito per trasferirsi in Nuova Zelanda.

Il caso Megaupload

Il successo di Megaupload si è scontrato con l'FBI e le autorità statunitensiIl successo di Megaupload si scontra con l'FBI e le autorità statunitensi

Nonostante tutto ciò, e per mancanza di spazio abbiamo tralasciato il fatto che Kim Dotcom non diventa noto in tutto il mondo fino a quando non avvia la sua attività. Megaupload. Creato nel 2003, il suo nome è stato cambiato in quello che conosciamo nel 2005. In linea di principio, tutto era legale. Un’azienda che offre spazio di archiviazione online per caricare e condividere file. Niente che gli altri non facciano. Il problema è che alcuni contenuti non erano legali agli occhi della legge e dell’industria dell’intrattenimento statunitense.

Megaupload è cresciuto fino a 150 dipendenti e 175 milioni di dollari di profitti. Con 50 milioni di visitatori giornalieri. È ancora possibile trovare pagine abbandonate che includono link a Megaupload. Ma ovviamente non funzionano. Per capire il successo di Megaupload, bisogna considerare che Dropbox è nato solo nel 2008. Google Drive lo fa nel 2012. Solo Box era presente nel 2005. E Apple ha offerto .Macil predecessore di iCloud, ma era a pagamento.

Comunque sia, nel 2012, la giustizia statunitense ha iniziato una guerra contro Kim Dotcom per porre fine a questo tipo di servizio che permette la condivisione di file. I reati di cui è accusato sono: “estorsione, associazione a delinquere finalizzata alla violazione del copyright e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro”. Se si deve accusare, si accusi alla grande. E anche se la denuncia è partita dalla Virginia, negli Stati Uniti, la autorità neozelandesi si affrettano ad arrestare Kim Dotcom e diversi suoi collaboratori. L’arresto è stato trasmesso in televisione, entrando nella villa di Dotcom come se fosse un trafficante di droga o un terrorista. L’operazione ha coinvolto due elicotteri e 76 agenti di polizia, tra cui un’unità dello Special Tactical Group, la SWAT neozelandese, nota in inglese con l’acronimo STG (Gruppo tattico speciale).

Video di YouTubeVideo di YouTube

Conti sequestrati, opere d’arte, televisori e auto di lusso confiscate, la sua immagine demonizzata dai media e lo stesso Kim Dotcom in prigione. Fortunatamente, meno di due mesi dopo la custodia cautelare, Kim Dotcom ha potuto uscire su cauzione. Il resto è storia. Per brevità, riassumeremo il tutto dicendo che la magistratura neozelandese ha ritenuto che la sua detenzione fosse stata eccessiva. Tutto sommato, ha fornito all’FBI le copie dei dischi rigidi di Dotcom. In seguito si è scoperto che si trattava di un’azione illegale. In compenso, Kim Dotcom ha potuto accedere a parte del denaro e dei beni bloccati.

Con Kim Dotcom in libertà in Nuova ZelandaIn alcuni casi, il sistema giudiziario statunitense ha richiesto la sua estradizione, ma il sistema giudiziario neozelandese ha opposto resistenza in diverse occasioni. In altre occasioni, invece, si è accordata con l’FBI. Curiosamente, il processo è ancora in corso. Tra un appello e l’altro. Per il momento, Kim Schmitz resta in Nuova Zelanda, ma gli Stati Uniti continuano a chiederne l’estradizione.

Parallelamente, Dotcom crea Mega nel 2013. Una nuova versione di Megaupload. E, per il momento, funziona ancora. In parte perché i dati sono criptati, quindi non c’è modo di sapere cosa si ospita. Per il resto, il servizio è simile al suo predecessore, con spazio di archiviazione gratuito e versioni a pagamento con più spazio. Il suo sito ufficiale dice che ha più di 301 milioni di utenti registrati e più di 10 milioni di utenti attivi al giorno. Anche se non si fa menzione di Kim Dotcom. Come se non fossero collegati. Per sicurezza, Dotcom ha tagliato i ponti con Mega nel 2015. Era tempo di fare altre cose.

Una caccia senza fine

Il libro ufficiale di Kim DotcomIl libro ufficiale di Kim Dotcom

Tuttavia, il processo contro Megaupload continua negli Stati Uniti. La scorsa estate, due membri della società, Mathias Ortmann y Bram van Der Kolksono stati condannati a più di due anni di carcere. Tuttavia, la sentenza non è stata eseguita immediatamente perché “è stato concesso loro un rinvio della pena a causa dell’imminente nascita del figlio di Ortmann e perché la madre di Van der Kolk è malata”. E non finisce qui. Dotcom è ancora ricercato dagli Stati Uniti, in attesa della decisione dei tribunali neozelandesi.

Nel sito web ufficiale Il sito ufficiale di Kim Dotcom si possono trovare diversi reportage video che sono stati realizzati su di lui e sul cosiddetto caso Megaupload. Il sito rimanda anche al libro scritto su di lui sulla sua “lotta” contro le autorità statunitensi. E c’è un Decalogo su ciò che è accaduto con Megaupload dal loro punto di vista. Comunque sia, l’esagerata copertura mediatica, così come la persecuzione e il reazione delle autorità negli Stati Uniti e in Nuova Zelanda. ha dato origine a un dibattito ancora aperto. Ma torniamo alla vita di Kim Schmitz.

Kim Dotcom sul sito ufficiale del Partito Internet della Nuova ZelandaKim Dotcom sul sito ufficiale del Partito Internet della Nuova Zelanda
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Archivio Internet<span>

Alla fine del 2013, Kim Dotcom annuncia che. vuole entrare in politica. Nel suo Paese di residenza, la Nuova Zelanda. A questo scopo ha fondato il Partito Internet nel marzo 2014. Associato a un partito già esistente, il Mana Party. Il leader del partito di Dotcom sarà Laila Harré, poiché Dotcom non può far parte del Parlamento neozelandese in quanto ha la nazionalità tedesca e finlandese ma non quella neozelandese.

L’ingresso di Kim Dotcom in politica ha due letture. La prima è la difesa delle libertà e dei diritti degli utenti di Internet. Si tratta di un’attività che altri partiti simili svolgono in tutto il mondo. Tuttavia, a Dotcom piace lo spettacolo e stare in televisione. E il trattamento che ha ricevuto dalle autorità neozelandesi ha trasformato il suo periodo in politica in un’occasione di lavoro. un tentativo di vendetta del governo neozelandese. Nel bene e nel male, nel campagna elettorale 2014 non ha ottenuto un sostegno sufficiente per ottenere una rappresentanza parlamentare. Ciononostante, ha fatto una cospicua donazione al partito di internet. E si è ricandidato nel 2017. Ma nel 2018 il partito si è ritirato per mancanza di sostegno. Il suo sito web è ancora attivo e funzionante , ma non aggiornato.

Auckland, Nuova ZelandaAuckland, Nuova Zelanda
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpsenwikipediaorgwikiAucklandmediaFileAuckland skyline from harbor bridge 20 September 2019jpg>Jack189417 Wikipedia<a><span>

Se non ci sono cambiamenti dell’ultimo minuto, Kim Dotcom vive ancora in Nuova Zelanda. Più precisamente ad Auckland, dove “ha uno stretto rapporto con la comunità”, come dicono loro. Questo si traduce in donazioni e altre attività festive. Sul piano personale, nel 2014 ha divorziato dalla moglie del 2009, Mona Verga. Dal 2018 è sposato con Elizabeth Donnelly. Da entrambi i matrimoni e da una precedente relazione ha sei figli.

In attesa di un’estradizione che non arriva mai, la vita di Dotcom procede senza intoppi. Dopo aver lasciato Mega, voleva avviare un servizio di streaming musicale, Baboom. È stato lanciato nel 2015, ma non ha raggiunto il traguardo di un anno. Ha avuto anche un breve carriera musicale con un album e diverse canzoni con i rispettivi video musicali. Nel 2019 ha annunciato la sua intenzione di lanciare la propria criptovalutama non è diventato realtà a causa di problemi legali.

Le ultime notizie che sappiamo su Kim Dotcom sono che è abbastanza attivo su Twitter, ora X. Come altri personaggi pubblici di Internet, come lo stesso Elon Musk, Dotcom sembra sostenere Putin. O, almeno, è contro gli Stati Uniti e i Paesi europei sul conflitto tra Russia e Ucraina. Inoltre, critica il genocidio di Israele in Palestina e, in generale, qualsiasi questione che abbia a che fare con la NATO o con gli Stati Uniti e i Paesi suoi alleati.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *