ChatGPT Search ora ha una data e lancia un importante avvertimento a Google

Voci e fughe di notizie sul Motore di ricerca OpenAI sembrano volgere al termine. Secondo Reuters, ChatGPT Search sarà rilasciato lunedì prossimo, 13 maggio. come uno degli annunci più importanti dell’anno per l’azienda. Il ricerca basata sull’intelligenza artificiale arriverebbe proprio un giorno prima del Google I/O 2024, sfidando la grande G e i suoi vari progetti di intelligenza artificiale.

L’utilizzo di questa data da parte di OpenAI non è una coincidenza e rappresenta una mossa strategica mirata a sfidare il business di Google. Non sarà un compito facile per ChatGPT Search, in quanto i servizi della grande G dominano il mercato. 90% del mercato attuale e mirano a rallentare l’arrivo della concorrenza con le proprie opzioni di ricerca basate sull’intelligenza artificiale.

L’intenzione di OpenAI è quella di unire i due mercati. integrando l’intelligenza artificiale nelle ricerche degli utenti. Per farlo, utilizzerà la sua ben nota marcia ChatGPT, che possiede già il dominio search.chatgpt.com pronto al debutto.

ChatGPT Search vuole essere il nuovo Google

Nel caso non fosse ancora chiaro, L’obiettivo di OpenAI con ChatGPT Search è quello di sostituire l’utilizzo di Google con il suo motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale. Lo farà implementando il suo potente modello linguistico in un motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale. nuovo sistema di conversazione con l’obiettivo di mostrare risultati reali..

In altre parole, quando cercate qualcosa in ChatGPT Search, l’intelligenza artificiale si occuperà di analizzare Internet alla ricerca dei migliori risultati possibili. Naturalmente, lasciando perdere gli algoritmi di Google e il suo controverso sistema di ranking.

Ricerca su Google
Credito Unsplash

ChatGPT Search non vi risponderà con le conoscenze del suo database, ma utilizzerà questi per cercare i link che risolvono al meglio la domanda che avete scritto. Considerando il potenziale di GPT-4 e di altri modelli linguistici, la ricerca con questo sistema può diventare davvero specifica e interessante. Facciamo un esempio di come dovrebbe funzionare:

LEGGI  X (Twitter) accusato di aver ricevuto denaro da gruppi terroristici

Immaginate di avere voglia di cannelloni e di avere 5 ingredienti in frigorifero. L’idea di OpenAI è che si possa parlare al motore di ricerca, dicendogli che si vuole fare la ricetta e che si hanno solo pochi prodotti. L’intelligenza artificiale cercherà quindi nella vastità di Internet, capirà che può mostrare solo i risultati delle ricette con quegli ingredienti. e vi proporrà diversi link. Con Google, fare questa ricerca è quasi impossibile per ora, perché il suo sistema di posizionamento diluisce le informazioni e finirebbe per mostrarvi cose non pertinenti al caso che state trattando.

L’intelligenza artificiale è in grado di capire il contesto e ora avrà uno strumento per non inventare la ricetta e per mostrarvi link reali a piatti reali basati sulla vostra ricerca specifico.

Pertanto, i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale sembrano essere un buon modo per sfidare il monopolio di Google, anche se dovremo aspettare per vedere se il tanto agognato Ricerca ChatGPT è interessante come promette di essere.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *