ChatGPT ha ora una versione a pagamento

OpenAI, l’azienda che sta dietro a GPT, il modello di intelligenza artificiale più popolare fino ad oggi, ha annunciato attraverso il suo canale ufficiale Discord la futura disponibilità di una nuova versione a pagamento di ChatGPT al fine di iniziare a “pensare a come monetizzare” il servizio di chatbot che ha conquistato gli utenti. Il piano “professionale”, in particolare, offrirà diversi vantaggi rispetto alla versione gratuita. Tra questi, risposte più rapide e disponibilità immediata del servizio.

L’azienda specializzata nello sviluppo dell’intelligenza artificiale, tuttavia, ha chiarito che la versione Pro di ChatGPT è “sperimentale” e non è ancora disponibile per gli utenti. Infatti, OpenAI non ha nemmeno fissato un prezzo per l’utilizzo di questa variante a pagamento.. Per il momento, l’azienda chiede agli utenti che hanno avuto accesso anticipato al servizio quale sia il prezzo che ritengono equo.

Tra i vantaggi della versione Pro di ChatGPT vi sono. l’opzione per il chatbot è “sempre disponibile”. Sebbene la versione gratuita sia attualmente disponibile per qualsiasi utente, non è sempre operativa a causa dell’elevata richiesta. Nella maggior parte dei casi, è addirittura necessario attendere per poter porre una domanda. Un’altra miglioria della versione a pagamento rispetto alla versione professionale è la possibilità di ottenere risposte più rapide e illimitate.. Inoltre, il numero di risposte giornaliere è almeno doppio rispetto alla versione gratuita.

La monetizzazione di ChatGPT è il modo migliore per mantenere attivo il servizio.

Tutto fa pensare che OpenAI manterrà la versione gratuita di ChatGPT per gli utenti che non vogliono pagare per parlare con un’intelligenza artificiale. L’azienda, tuttavia, non sta traendo profitto dal suo chatbot nonostante la sua incredibile popolarità. La piattaforma non mostra alcuna pubblicità e non esistono versioni aggiuntive a pagamento.

LEGGI  Google Chrome cambia per sempre: la nuova barra di ricerca alimentata dall'AI

La manutenzione e lo sviluppo di ChatGPT, tuttavia, sono molto costosi. Tom Goldstein, ricercatore e attuale professore del Dipartimento di Informatica dell’Università del Maryland, stime che OpenAI spende tra i 100.000 dollari al giorno e i 3 milioni di dollari al mese. sul mantenimento del modello di intelligenza artificiale.

È quindi logico che OpenAI cerchi di monetizzare un servizio come ChatGPT soprattutto per, essere in grado di continuare a sviluppare modelli più avanzati. Almeno, questo è quanto afferma l’azienda in un post su Discord. “Il nostro obiettivo è quello di continuare a migliorare e mantenere il servizio, e la monetizzazione è uno dei modi che stiamo considerando per garantire la sua redditività a lungo termine”, ha dichiarato.

Anche Microsoft intende aiutare OpenAI con un investimento di 10 miliardi di dollari. L’azienda sta inoltre lavorando per includere ChatGPT in alcuni dei suoi prodotti, come Bing, per migliorare la ricerca, Word, per la digitazione di testi, e Outlook, per suggerire risposte automatiche più avanzate.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *