Bungie si scusa e promette un finale epico per Destiny 2

Bungie si è alzata e ha chiesto scusa ai suoi utenti. Dopo un’ondata di licenziamenti e il ritardo di Maratona e il DLC per Destiny 2lo studio ha pubblicato un post sul blog che illustra la strada da seguire. Il team di sviluppo dietro il popolare sparatutto ha promesso che si impegnerà a fondo per riconquistare la fiducia dei giocatori.

“Accogliamo con favore i commenti e le preoccupazioni che avete in merito a Lightfall e le recenti stagioni, nonché la loro risposta alla rivelazione di La forma finale“, citato Bungie. “Destiny deve sorprendere e deliziare. Non l’abbiamo fatto abbastanza e questo cambierà”. Lo studio è consapevole che la sua ultima espansione è stata deludente.quindi modificheranno la strategia per il prossimo DLC.

Il team di Destiny 2 cercherà di La forma finale un’esperienza indimenticabilequalcosa che è alla pari con i migliori giochi che hanno creato. Anche se è difficile sapere se questa espansione supererà Halo Reachil team vuole che sia alla pari di Forsaken, La regina delle streghe y Il Re Preso. A tal fine, Bungie assumerà 650 dipendenti per sviluppare un capitolo che concluda degnamente gli ultimi dieci anni.

Anche se La forma finale non vedrà la luce a breve, Bungie ha promesso che fornirà maggiori dettagli sulla sua strategia a breve termine nelle prossime settimane.. Prima di rivelare la visione dell’espansione, lo studio lancerà la sua ultima stagione alla fine di novembre.

Bungie e la difficile strada per riconquistare i suoi giocatori.

La situazione di Bungie è complicata se consideriamo che lo studio non ha goduto di una buona gestione. Sebbene lo studio avesse promesso di non effettuare licenziamenti dopo l’acquisizione da parte di PlayStation, pochi giorni fa è stato confermato un taglio del personale. Più di 100 lavoratori, tra cui il famoso compositore di Halo y DestinoMichael Salvatorihanno perso il lavoro.

LEGGI  il futuro dell'energia eolica?

Anche se si dice che i licenziamenti di Bungie siano legati alla ristrutturazione di PlayStation.La verità è che i problemi risalgono a molto tempo fa. La mancanza di chiarezza nel suo modello di game-as-a-service (GAAS), così come la sua strategia di contenuti, ha generato polemiche tra i giocatori. Destino 2. Una delle decisioni più discutibili è stata la rimozione dei DLC pagati dagli utenti, come ad esempio Forsaken o Maledizione di Osiride.

Stagione 23 e l’espansione La forma finale avrà il difficile compito di riconquistare un pubblico che ha perso fiducia. Bungie sa che i contenuti sono la chiave di un gioco come questo, quindi si allontanerà dalle stagioni per passare a un approccio episodico.

“È un grande cambiamento rispetto a quello che abbiamo fatto finora. Invece di avere quattro stagioni all’anno, avremo tre episodi più grandi”, ha dichiarato Robbie Stevens, vice direttore del gioco a Destiny 2. I primi tre – Echi, Vendicatori ed Eresia – arriveranno dopo la fine dell’anno. La forma finale e si concentrerà sulle conseguenze e i postumi dell’espansione.

Destiny 2 è un gioco, non un obbligo

Bungie è consapevole di dover sorprendere i suoi utenti e, per farlo, deve ricordare che Destiny 2 è un gioco e non un obbligo. Ci sono altri titoli sul mercato e i giocatori hanno obblighi che vanno oltre il trascorrere ore davanti al monitor. Non è solo necessario creare un ambiente per coloro che si assentano per giorni o settimane, ma anche rendere il gioco meno ostile per i nuovi giocatori.

LEGGI  I paracadute per droni Flyfire di DJI: un concetto semplice che può salvare vite (e denaro).

Alcuni si aspettano che la Stagione 23 abbia un effetto simile a quello di a quello che è successo con Halo: Infinito all’inizio di ottobre. 343 Studios ha risolto i bug e ha riportato in vita una percentuale considerevole di giocatori che avevano perso fiducia dopo il lancio.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *