Avatar avrà una serie? James Cameron chiarisce

James Cameron sta conducendo un’interessante e prolifica campagna promozionale per la prima di Avatar 2: La via dell’acqua. Oltre ad alcuni interessanti dettagli sull’atteso sequel, offre una prospettiva più ampia sull’espansione dell’universo centrale. Tra questi, la risposta a una domanda assillante: Potrebbe Avatar fare il salto in televisione?

La risposta è una rifiuto assoluto da parte del direttore. Che, inoltre, chiarisce le sue ambizioni per il franchise cinematografico. In una recente intervista con The Hollywood Reporteril regista ha escluso completamente la possibilità di una serie televisiva.. Un punto su cui si è speculato per mesi, ma che alla fine non sembra interessare Cameron. A suo avviso, una serie potrebbe essere realizzabile in una decina d’anni. Ma per ora, non ci sono piani per una cosa del genere né ha la minima inclinazione verso l’argomento.

Le dichiarazioni hanno suscitato sorpresa perché l’universo di Avatar sembra estendersi in decine di direzioni diverse. Dal modo in cui Cameron intende esplorare nuovi luoghi nel suo franchise, a tutti i mezzi che consentiranno un viaggio più profondo attraverso Pandora. Le nuove frontiere della saga includono ogni sorta di risorse inedite per l’esplorazione della storia. Per prima cosa, lo scorso novembre sono stati pubblicati i romanzi grafici Avatar: L’altura y Avatar: Le frontiere di Pandora. Entrambi i volumi analizzeranno il mondo immaginato da Cameron a partire dalla sua fauna e flora. Ci sarà anche un videogioco sviluppato da Ubisoft, che permetterà al giocatore di esplorare l’universo cinematografico nel dettaglio.

Tuttavia, per Cameron, la televisione non è lo spazio ideale per approfondire la sua creazione più amata. Il che, peraltro, rende evidente il livello di impegno del regista per la solidità del suo lavoro.

LEGGI  L'intelligenza artificiale si unisce alla lotta contro il traffico di animali

Un motivo convincente per evitare la televisione

“Il problema di questi personaggi generati al computer è che sono così costosi e ad alta intensità di lavoro che non funzionano davvero per la televisione”.James Cameron ha spiegato. “Ora, potremmo tornare tra 10 anni, con un sacco di deep learning. Con molte lezioni su come portare il concetto in televisione. Potremmo sicuramente arrivare in TV. Ma al momento non sono interessato”, ha concluso.

Si tratta di una dichiarazione che chiude il dibattito su una possibile visione delle piattaforme di streaming video o del mondo via cavo di Avatar. Con il franchising che gode di un’apprezzabile rinascita e sul punto di diventare un grande successo cinematografico, l’idea è stata discussa in forum specializzati. Alla fine, però, Cameron ha chiarito che insisterà sull’integrità visiva e della trama del suo lavoro.come l’aveva immaginata fin dall’inizio.

Avatar e la sua potenza cinematografica

Ovviamente, le ragioni addotte da Cameron per impedire il Avatar è trasformato in un prodotto televisivo sono comprensibili. Avatar si basa molto su un sistema realistico di CGI per dare vita ai suoi personaggi.

In particolare, un mondo con una moltitudine di piante e creature uniche che costituiscono un sistema ecologico realistico. Uno dei punti che ha fatto Avatar un trionfo al botteghino e alla critica nel 2009, è stata la sua esperienza immersiva. Al di là dell’uso appropriato della tecnologia 3D, il livello di dettaglio dell’ecosistema di Pandora ha stupito il pubblico.

Ecco perché Portare sul piccolo schermo una visione di un universo di tale portata avrebbe tutti i tipi di inconvenienti.. A cominciare dal livello di investimento che un tale progetto richiederebbe. Secondo le informazioni, i costi di produzione di Avatar 2: La via dell’acqua superare i 400 milioni di dollari. Se si volesse realizzare un programma televisivo che aspiri al livello di dettaglio e di pulizia della produzione cinematografica, molto probabilmente si dovrebbe arrivare a una cifra ancora più alta. Essendo diviso in capitoli, il costo aumenterebbe a livelli straordinari.

LEGGI  Attenzione all'acquisto di questi prodotti Xiaomi: potrebbero essere contraffatti.

Come se non bastasse, la trama di Avatar richiede la solidità di una sceneggiatura cinematografica. Che permette di analizzare le complesse relazioni tra i suoi personaggi con attenzione e, soprattutto, con un punto di vista nuovo. Qualcosa che, forse, potrebbe perdere il suo impatto in una produzione seriale con l’obiettivo di raccontare una storia specifica nel corso di una stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *