Apple prepara un’intelligenza artificiale che potrebbe cambiare il vostro iPhone per sempre

Apple è stata molto più discreta di altre aziende tecnologiche sugli sviluppi dell’intelligenza artificiale. Ma un paio di articoli pubblicati dai suoi ricercatori nelle ultime settimane suggeriscono che sta preparando nuove funzioni per gli iPhone. Ci sono nuovi accenni alla chatbot di cui si vocifera e di un progetto di avatar digitale.

L’ultimo documento rivela che Cupertino sta sviluppando un nuovo modo per eseguire modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) su dispositivi con memoria DRAM limitata. Ciò consentirebbe di eseguire questi sistemi di intelligenza artificiale direttamente su un iPhone o un iPad, piuttosto che attraverso server esterni.

Questi modelli linguistici, che alimentano chatbot come ChatGPT, vengono generalmente eseguiti in centri dati con una potenza di calcolo molto superiore a quella di un iPhone. Ma nell’articolo, intitolato “LLM in un lampo“I ricercatori affermano di aver trovato una “soluzione a un attuale collo di bottiglia computazionale”.

La soluzione proposta prevede la costruzione di un modello che si armonizzi con il comportamento della memoria flash, prestando attenzione a due aree critiche. Da un lato, ridurre il volume di dati trasferiti dalla memoria flash. Dall’altro, leggere i dati in pezzi più grandi e contigui, si legge nel rapporto.

Apple ha testato il suo approccio con modelli come il Falcon 7B. Si tratta di una versione più piccola di un grande modello linguistico open-source, originariamente sviluppato dall’Abu Dhabi Institute of Technology Innovation. “Approcci come questo saranno essenziali per realizzare il pieno potenziale di questi modelli linguistici su un’ampia gamma di dispositivi e applicazioni”.notano.

Credito: Daria Nepriaakina (Unsplash)

Apple prepara la sua intelligenza artificiale per ciò che accadrà nel 2024

Apple ha lanciato alla fine del mese scorso MLX, un framework con il quale è possibile sviluppare modelli di machine learning. Secondo alcune indiscrezioni, questa potrebbe essere la base per lo sviluppo di un applicazione generativa guidata dall’intelligenza artificiale. Il sistema sfrutta l’hardware di Apple e non si affida completamente all’elaborazione esterna.

LEGGI  DJI e il fotografo Florian Ledoux ci regalano questo incredibile scorcio dell'Artico.

Secondo altri rapporti dello scorso giugno, l’azienda stava lavorando a un proprio chatbot – “Apple GPT”, come lo hanno chiamato alcuni ingegneri. Il sistema avrebbe utilizzato il modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) chiamato “Ajax”. Secondo fonti note, Apple stava testando lo strumento internamente, ma senza aver ancora definito una strategia chiara per portarlo sul mercato.

Diversi concorrenti si stanno già preparando a portare l’intelligenza artificiale sui telefoni cellulari. Contrappunto ha stimato che più di 100 milioni di smartphone incentrati sull’intelligenza artificiale saranno distribuiti entro il 2024. E che entro il 2027 il 40% dei nuovi dispositivi offrirà funzioni abilitate all’intelligenza artificiale.

Questo mese Google ha presentato una versione del suo nuovo sistema Gemini, che funzionerà “nativamente” sui suoi smartphone Pixel. A settembre è emerso che OpenAI, l’azienda dietro ChatGPT e DALL-E, voleva lanciarsi nel mondo dell’elettronica di consumo. Si è parlato dell’idea di creare l'”iPhone dell’intelligenza artificiale”.. È stato anche detto che Jony Iveex leader del design Apple, si unirà al progetto.

L'iPhone 15 Pro con 2TB spiegherebbe, in parte, un aumento dei prezzi della serie. Apple MLX

Gli avatar digitali e le novità in arrivo nel 2024

Il secondo degli studi di Apple, pubblicato a fine novembre, riguarda un nuovo progetto di ricerca chiamato HUGS. Si tratta di uno strumento di intelligenza artificiale generativa che può trasformare un breve video di una persona in un avatar digitale in pochi minuti. Il metodo HUGS consente di creare avatar digitali animati a partire da pochi secondi di video. Per l’esattezza: da 50 a 100 fotogrammi.

Questi avatar possono essere animati e inseriti in scene diverse, poiché la piattaforma utilizza una rappresentazione separata degli esseri umani e delle scene. È facile immaginare come la fotocamera e la potenza di elaborazione dell’iPhone possano essere sfruttate per offrire questa nuova esperienza di personalizzazione, che potrebbe essere applicata ai social network, ai giochi e persino alla realtà aumentata.

LEGGI  Tesla svela Optimus Gen 2: il suo robot umanoide è ora molto più umano

Cristiano Amon, CEO di Qualcomm, ha previsto che l’intelligenza artificiale invertirà il declino delle vendite di dispositivi mobili. “Vedremo il lancio di dispositivi all’inizio del 2024 con una serie di casi d’uso di AI generativa”. ha dichiarato al Financial Times.

Amon, leader del più grande chipmaker di telefonia mobile al mondo, ritiene che la mano venga dalla creazione di assistenti virtuali più sofisticati, in grado di anticipare un maggior numero di azioni dell’utente. Ad esempio, l’invio di messaggi di testo o la programmazione di una riunione. Ritiene inoltre che ci saranno molti nuovi sviluppi nel campo dell’editing fotografico.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *