Adobe parla della sua controversia sull’intelligenza artificiale: “non scansiona i documenti in segreto”.

Da qualche settimana Adobe è sotto i riflettori a causa dell’intelligenza artificiale integrata nei suoi servizi Acrobat e Acrobat Reader. La piccola crisi reputazionale è stata parzialmente risolta di recente dall’azienda stessa indicando che che il suo sistema di intelligenza artificiale non scansiona i documenti di nascosto..

Dalla fine di febbraio, Adobe si è trovata ad affrontare commenti negativi sulla sua nuova funzione di Scansione AI. Questa opzione, chiamata Assistente AIpermette agli utenti di scannerizzare i documenti per ottenere dei riassuntirispondere a domande o correggere errori.

L’azienda stessa ha inviato un’e-mail per annunciare queste funzioni ai suoi clienti, tra cui Brian Krebs, un giornalista specializzato in sicurezza. Egli ha espresso la sua preoccupazione facendo un pubblicazione che implicava che Adobe ha scansionato tutti i documenti aperti da Acrobat e Acrobat Reader..

Adobe ha parlato della sua AI: non scansiona tutto.

Dopo alcune settimane di clamore, Adobe ha avuto qualcosa da dire. L’azienda ha negato ogni accusa sul suo assistente di intelligenza artificiale e ha chiarito il suo funzionamento. Acrobat e Acrobat Reader hanno funzioni di intelligenza artificiale attivate per impostazione predefinita, ma non vengono attivate a meno che l’utente non accetti i termini e utilizzi la funzione..

Vale a dire, il programma, da solo, non scansiona nulla: ha bisogno di una conferma umana per farlo. Inoltre, il permette di disattivare le funzioni dell’IA in modo da non incontrarle durante l’utilizzo. Adobe ha voluto mettere in chiaro una cosa: pur avendo a disposizione i servizi di IA, questi non vengono attivati automaticamente.

Deepak Bharadwaj, senior manager di Adobe Document Cloud, ha scritto un’email in cui afferma che la piattaforma ha sviluppato le sue capacità di intelligenza artificiale con l’obiettivo di aiutare gli utenti proteggendo la loro sicurezza e privacy. Ha inoltre aggiunto che nessun servizio Adobe scannerizzerà i documenti a meno che non sia l’utente a richiederlo..

LEGGI  Il Messico sostituisce la Cina come epicentro dell'AI per Nvidia, Amazon e altre aziende tecnologiche
Adobe Acrobat

Perché l’AI è abilitata per impostazione predefinita in Acrobat Reader?

Il sito ufficiale di Adobe afferma che le funzioni di intelligenza artificiale sono attivate per impostazione predefinita e che, se lo si desidera, l’utente può disattivarle in qualsiasi momento. Questo è stato l’inizio della confusione, poiché gli utenti hanno capito che, essendo attivate per impostazione predefinita, avrebbero sempre funzionato.

La realtà è che non funzionano da soli, ma perché uno strumento così controverso è attivato di default? Probabilmente per lo stesso motivo di tutti gli altri strumenti presenti in tutti i servizi del mondo, perché si sappia della loro esistenza.

Il modo migliore per promuovere una funzione di questo tipo è implementarla nei servizi più popolari. Includerla mentre è disabilitata per impostazione predefinita la farà passare inosservata alla stragrande maggioranza, quindi per un buon sviluppo della funzionalità, è meglio abilitarla e offrire all’utente la possibilità di non utilizzarla..

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *