Digital Financial Officer

Mercato

Polonia: in crescita i ritardi sui pagamenti

Le Le imprese polacche fanno fatica a pagare alla scadenza. Secondo uno studio di Coface, sono almeno due su tre le aziende in ritardo di 60 giorni, mentre un quarto supera il termine di tre mesi.

Il ritardo delle imprese polacche

Sono ritardi eccesivi, soprattutto se si considera che in media raramente vengono concessi più ci 30 giorni per i pagamenti. La media intersettoriale delle dilazioni è di 51,5 giorni e in genere l’80% circa degli insoluti non viene mai completamente saldato una volta superati i sei mesi. I trasporti, i metalli e le costruzioni sono settori che offrono termini di pagamento più lunghi, ma il settore tessile-abbigliamento, l’agroalimentare e la distribuzione sono più restrittivi.

Come far fronte ai rischi di insolvenza

Le imprese polacche conoscono bene i rischi legati alle vendite a credito. Per questo, una volta accordatosi su un pagamento, mettono in atto valutazioni della situazione finanziaria del cliente, sistemi di monitoraggio dei pagamenti, l’assicurazione del credito e ricorrono a volte al recupero crediti.

Le previsioni per il 2017

Ma la situazione sta per cambiare. Con una possibile accelerazione del 3,1% del PIL polacco nel 2017, si prevede che le imprese registreranno un miglioramento delle condizioni degli affari e una stabilizzazione, o addirittura un calo, degli insoluti nel corso del 2017.

Quali comparti cresceranno?

Il 40% degli intervistati è fiducioso in un aumento delle vendite nei prossimi sei mesi e una redditività più elevata pari al 54%. Attesa una crescita delle vendite soprattutto per la distribuzione, l’energia, l’abbigliamento e l’automotive; ma non per i settori dei trasporti, dei metalli, delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Le ultime notizie su: Coface, Mercato ed Export Polonia, Pagamenti

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.