Digital Financial Officer

Mercato

Francia. Insolvenze in crescita, ma margini elevati

Tornano sul segno più le insolvenze delle imprese francesi. Dopo 2 anni di stabilità, la tendenza al rialzo proseguirà fino a un +0,8% nel 2019, colpendo in primis le aziende con fatturato sotto i 500mila euro. I margini tuttavia resteranno elevati. 

Nessun freno alle insolvenze

I dati raccolti da Coface sul terzo trimestre 2018 anticipano lo scenario. Le insolvenze sono cresciute del 2,3% (rispetto allo stesso trimestre del 2017), in linea con il rallentamento della crescita (1,6% nel 2018) e dei consumi. Nove regioni su tredici ne sono colpite: in particolare l’Ile-de-France. Mentre la Provence-Alpes-Côte d'Azur e l’Auvergne-Rhône-Alpes se la passano meglio. Gli incrementi più marcati hanno convolto i settori dei trasporti (+19,7%), dell’agricoltura e della pesca (+15,2%). Così come le costruzioni (+1,9%) e i servizi ai privati (+8,8%).

Rallenta l’export francese …

Eppure, prima di questa inversione di tendenza, nel 2014, le imprese erano riuscite a tornare alla redditività. Poi, a fine settembre 2018, le insolvenze sono crollate del 4,5%. Complici anche le scarse performance dell’export. Dal 2014, Spagna (+1,9%), Italia (+0,8%) e Germania (+0,3%) hanno assistito a un miglioramento delle esportazioni, mentre la Francia ha subito un rallentamento (- 0,4%).

… ma i margini restano stabili …

C’è però un aspetto da tenere presente: le imprese hanno preferito consolidare il margine piuttosto che acquisire quote di mercato all’esportazione. Un fenomeno che ha interessato la maggior parte dei settori: auto, aeronautica, farmaceutica, agroalimentare, informatica ed apparecchiature elettriche. Alcuni settori hanno anche saputo aumentare i margini e allo stesso tempo migliorare il saldo commerciale.

… e mettono al riparo dai rischi globali

Anche nel 2019, del resto, il margine dovrebbe rimanere stabile e permettere alle imprese di mitigare gli effetti del rallentamento del commercio mondiale. E questo nonostante la crescita del PIL potrebbe diminuire all’1,5% nel 2019.

Le ultime notizie su: Coface, Mercato ed Export Francia

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.