Skynet è in agguato: i ricercatori creano robot in grado di costruirsi da soli

La fine del mondo è dietro l’angolo. I ricercatori del MIT hanno progettato robot in grado di costruire qualsiasi cosa, anche versioni più grandi di loro stessi.. Il Centre for Bits and Atoms (CBA) ha presentato un sistema robotico modulare in grado di assemblarsi in serie sulla base di blocchi costruttivi primitivi.

La proposta dei ricercatori dell’ACB si basa su anni di studi e consiste in. piccoli robot assemblatori noti come voxel. che possono muoversi in modo indipendente attraverso una maglia. Ogni voxel è dotato di una struttura in plastica e di magneti per il fissaggio a ulteriori parti.

Una delle caratteristiche più importanti di questi blocchi è che. possono trasportare energia e dati ad altre parti. I ricercatori sostengono che i piccoli robot potrebbero costruire strutture più complesse in grado di sollevare, spostare e manipolare materiali.compresi i voxel stessi. In un futuro non troppo lontano, i robot di assemblaggio sostituiranno i bracci fissi presenti nell’assemblaggio di automobili, aerei e altre industrie.

I robot del MIT si ispirano alla natura

Il progetto del MIT è stato pubblicato in un articolo della rivista Naturadove viene spiegato in modo approfondito il funzionamento di questi robot. Secondo i ricercatori, lo sciame robotico si ispira alla naturasoprattutto nell’auto-replicazione e nella gerarchia.

La crescita biologica abbraccia molti ordini di grandezza, dai ribosomi che assemblano gli amminoacidi in proteine, agli organelli, alle cellule, agli organi, agli organismi e alle popolazioni.

Questo lavoro con i robot si basa su anni di ricerca e sviluppo della robotica applicata all’industria manifatturiera e dell’imballaggio. Sebbene gli sciami abbiano dimostrato la loro efficienza su diversi fronti, nessuno dei sistemi attuali offre l’auto-replicazione o la gerarchia. La proposta del MIT è di creare un sistema basato su blocchi di costruzione, dove i blocchi di costruzione possono essere collegati tra loro e riconfigurati secondo le necessità.

Immagine: MIT

Un voxel può prenderne un altro utilizzando i punti di connessione a un’estremità e assemblare un’altra struttura. I due possono poi lavorare insieme per creare un robot più grande in grado di eseguire compiti complessi. I ricercatori hanno sviluppato un software che riceve una descrizione dell’oggetto da costruire e la traduce per indicare ai voxel dove posizionare i blocchi.

Gli sciami di robot non sono ancora pronti

I primi test dello sciame robotico del MIT sono comunque positivi. c’è ancora molto lavoro da fare. L’ostacolo principale per i voxel sono i connettori, che non supportano molto peso.

Il sistema illustrato utilizza connessioni magnetiche tra i voxel. Questi sono sufficienti per dimostrare l’assemblaggio e la locomozione robotica, ma saranno necessari giunti con una maggiore rigidità e resistenza per un comportamento continuo del metamateriale in strutture dalle prestazioni più elevate.

Un altro problema da superare sarà la creazione di algoritmi decentralizzati e compilatori scalabili.. Sebbene gli algoritmi abbiano funzionato senza problemi nelle dimostrazioni, i ricercatori li considerano non ottimali per sistemi più grandi. Inoltre Il rilevamento delle collisioni e la pianificazione del percorso dovranno essere migliorati. per ridurre i tempi di costruzione.

I robot autocostruiti per creare strutture complesse sono ancora lontani, anche se i loro creatori ne prevedono già il potenziale. I sistemi potevano costruire strutture di grandi dimensioni, come aeroplani o automobili. I ricercatori lavorano a stretto contatto con aziende di vari settori, oltre che con la NASA e l’esercito americano.

LEGGI  Questa intelligenza artificiale traduce e trascrive già oggi qualsiasi audio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *