recensioni, analisi, opinioni e altro ancora

Nulla atterrato circa 18 mesi fa con una cuffia, la Spiga (1), che ha fatto una bella dichiarazione d’intenti.The Ear (1) era una dichiarazione di intenti: un’estetica piuttosto appariscente, un prodotto onesto sia in termini di pretese che di prezzo, e una strategia di comunicazione basata su grandi aspettative.

Questa stessa filosofia è stata incarnata mesi dopo nel Nothing Phone (1), un telefono che, francamente, Tra i miei telefoni preferiti del 2022.. E ora il marchio vuole portare la stessa filosofia in un terzo prodotto: il Nothing Ear (Stick).

Si tratta di cuffie in-ear – cioè che non si inseriscono nell’orecchio – che concentrarsi sul design, proprio come gli altri prodotti Nothing.ma cercano anche di offrire una buona esperienza all’utente. Non sostituiscono le Nothing Ear (1), che tra l’altro sono aumentate di prezzo nel negozio ufficiale del marchio. L’idea, come fa Apple con gli AirPods, è quella di offrire diverse opzioni ai consumatori: uno auricolarecon cancellazione attiva del rumore e un prezzo leggermente superiore; un altro in-ear, meno invadente per le orecchie e con un prezzo inferiore.

E sì, ci sono persone a cui non piacciono le cuffie auricolare. Il modo in cui si adattano all’orecchio, il modo in cui si usano e così via. Non mi includerei in questo gruppo. Quando posso, scelgo le cuffie. auricolare con cancellazione del rumore. A maggior ragione se dispone di una modalità di trasparenza o di ambienza che mi permette di ascoltare naturalmente ciò che accade intorno a me quando ne ho bisogno. In questo modo, si ottiene il meglio di entrambi i mondicome direi io Hannah Montana. Ma questa, insisto, è la mia preferenza personale. Ci sono colori per tutti i gusti. E, come ho detto, ci sono persone che preferiscono le cuffie intrauricolari, meno invadenti per il padiglione auricolare. Questo è il pubblico a cui Nothing vuole rivolgersi con l’Ear (Stick).

Un design iconico

Il design è senza dubbio uno degli attributi distintivi del Nothing Ear (Stick). Molti elementi sono comuni all’Orecchio Nulla (1): trasparenze, un “gambo” di linee rette… Ciò che cambia è la parte dell’auricolare a contatto con l’orecchio.. Logico, davvero. Le orecchie (1) devono essere adattate a un progetto auricolare che prevede l’uso di cuscinetti auricolari, mentre le orecchie (Stick) non lo fanno.

Un’altra caratteristica distintiva del Nothing Ear (Stick) è la custodia. Di nuovo, il marchio ricorre alle trasparenze per ottenere questa estetica iconica, ma opta anche per un formato diverso dal solito: un cilindro. Non apporta nulla di nuovo o di migliore dal punto di vista funzionale – non è peggiore delle alternative a cui siamo abituati – ma ottiene un risultato importante: essere riconoscibile e differenziarsi da ciò che fa la maggior parte dei marchi.

Il meccanismo di apertura e chiusura della custodia è piuttosto curioso. Si tratta di uno strato che ruota per adattarsi – o meno – a un’apertura che consente di rimuovere gli auricolari dall’interno. E tutti i dettagli sono stati curati: la rotazione è fluida, i magneti rendono difficile la rotazione quando si raggiunge una delle due posizioni (apertura o chiusura), l’interno è stato curato – a differenza di altri prodotti in cui non è visibile -, ecc. Grande lavoro in questo senso da parte di Nothing.

LEGGI  Come è nato Google Chrome, il browser utilizzato in tutto il mondo
Niente orecchio bastone

Come si comportano quotidianamente?

Per quanto riguarda il suono, il Nothing Ear (Stick) offre, a grandi linee, un’esperienza piacevole rispetto ad altre cuffie della stessa fascia di prezzo.. Detto questo, parte della buona esperienza è derivata dalla sperimentazione dell’equalizzazione delle cuffie con l’applicazione Nothing X, recentemente rinominata. Le modalità di equalizzazione predefinite non sono male di per sé, ma ho ottenuto un’esperienza superiore dopo alcuni minuti di sperimentazione con diversi brani e impostazioni.

Per quanto riguarda l’equalizzazione, una cosa positiva che è anche negativa, a seconda di come la si guarda: ci sono solo tre selettori di regolazione (alti, medi e bassi), a differenza di altre cuffie che permettono di modificare il comportamento con maggiore granularità – come l’app Headphones Connect di Sony -. È più facile da usare – meglio per chi ha meno conoscenze – ma è più limitato quando si tratta di modificare il comportamento delle cuffie. In ogni caso, si tratta di un dettaglio minore.

Per quanto riguarda il comfort, zero reclami. Un’affermazione che non deve sorprendere se si considera quanto bene aveva fatto Nothing in questo senso con l’Orecchio (1). Tuttavia, è sempre importante precisare che il comfort di una cuffia è soggettivo, in quanto ogni orecchio ha le sue peculiarità.

In the Nothing Ear (Stick), d’altra parte, non abbiamo la cancellazione attiva del rumoreche ha senso in quanto si tratta di una cuffia di tipo aperto anziché di una cuffia di tipo aperto. auricolare. Non ha senso implementare un sistema di riduzione del rumore con microfoni e algoritmi se il padiglione non è minimamente sigillato.

Quello che abbiamo è una modalità a bassa latenza per la riproduzione con le cuffie, oltre al supporto del sistema Fast Pair di Google, che semplifica l’accoppiamento con i dispositivi Android. Funziona come previsto. Come promesso, anche il sistema di controllo dei gesti implementato nelle cuffie stesse può essere personalizzato dall’app.

Quello che mi ha creato qualche problema è con la pausa automatica quando si tolgono le cuffie dall’orecchio.. In alcune occasioni la riproduzione non si è fermata quando l’ho tolta dalle orecchie, come invece accade con altre cuffie. Se si ascolta la musica, non è un dramma. Ma se si sta ascoltando, ad esempio, un podcast, quando si riprende la riproduzione si è costretti a riavvolgere per ascoltare quel pezzo.

LEGGI  Assassin's Creed Mirage" arriverà nel 2023, seguito dall'atteso samurai "Assassin's Creed".

La batteria Nothing Ear (Stick), invece, è una batteria che non ha bisogno di essere utilizzata, non è mai stato un problema in nessun momento. Il marchio promette sette ore di utilizzo ininterrotto e, nel complesso, la mia esperienza è stata abbastanza vicina a questa cifra. Secondo il produttore, con la custodia è possibile ottenere un’autonomia di 22 ore in più. Più che sufficiente anche per viaggi di lunga durata. Per la ricarica, è presente anche una porta USB-C universale che semplifica il processo.

Un dettaglio interessante dell’Orecchio Nulla (Bastone) è il sistema clear speech che riduce il rumore esterno. Non direi che è miracoloso, perché è impossibile, ma contribuisce a migliorare la qualità delle chiamate. O gli audio di WhatsApp, che forse sono più in linea con i tempi in cui viviamo. Fornisce quanto promesso.

Niente orecchio bastone

I Nothing Ear (Stick) valgono la pena?

In generale, l’Orecchio Nulla (Stick) mi ha lasciato un buon retrogusto. Se siete alla ricerca di cuffie con un ottimo design, di tipo aperto, con una buona autonomia e un suono all’altezza della sua gamma, troverete in questo modello una proposta solida.

Detto questo: ritengo che il mercato potenziale di questi Nothing Ear (Stick), a meno di un notevole calo dei prezzi nei mesi successivi, sia limitato. Mi spiego meglio:

  • Per prezzi simili ci sono proposte come il Sony LinkBuds S -Con un design peggiore, ma con la cancellazione del rumore e la fiducia di un marchio iconico in questo mercato come Sony. Al momento della stesura di questo articolo si trovano su Amazon a 129 euro.
  • D’altra parte, i Nothing Ear (1), nonostante l’aumento di prezzo annunciato dal marchio, sono ancora venduti in negozi come Amazon a meno di 100 euro. Vale a dire: sono più economici e, inoltre, sono dotati di cancellazione attiva del rumore.

Il quadro, quindi, si può riassumere così: chi vuole le migliori cuffie in questa fascia di prezzo troverà le Ear (1) o le LinkBuds S una proposta più completa e anche più economica.

L’unico spazio lasciato all’Ear (Stick), considerando il suo prezzo di partenza, è per coloro che sono disposti a spingersi in questa fascia di prezzo, vorrebbe una cuffia aperta, a prescindere da tutto. e apprezzano il design accattivante che portano in tavola. Un divario che, francamente, mi sembra piuttosto ridotto.

La storia, sì, La storia potrebbe essere diversa tra qualche mese, se il prezzo di queste cuffie inizierà a scendere come è successo con le Nothing Ear (1). In questo caso, a seconda dell’entità del calo, il mercato potenziale potrebbe espandersi. Ma, per il momento, la situazione è questa: un buon prodotto che è semplicemente circondato – anche dallo stesso marchio – da proposte più accattivanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *