le nuove cuffie del marchio sono molto più che semplici bassi potenti

Nel mercato delle cuffie c’è un marchio che tende a distinguersi dagli altri, soprattutto per quanto riguarda il suono e la tecnologia di cancellazione del rumore. Si tratta di Sony, che ha recentemente lanciato le ULT WearIl modello WH-1000XM5 è un’alternativa più economica al modello WH-1000XM5 e vanta una tecnologia in grado di potenziare i bassi senza sacrificare aree come la durata della batteria o il design.

Il Sony ULT Wear, in particolare, costano circa 200 euro e sono, di fatto, il successore delle WH-H910N. Oltre alla cancellazione del rumore e a un design simile a quello delle loro sorelle maggiori, le nuove cuffie del marchio sono dotate di quello che è stato soprannominato il modalità ULTmodalità ULT, progettata per potenziare i bassi nei brani. Il tutto ereditando alcune delle caratteristiche delle cuffie più potenti dell’azienda.

Ma sono davvero una buona alternativa economica alle cuffie top di gamma di Sony o ci sono opzioni migliori a questo prezzo sul mercato?

Cos’è l’ULT e perché è così importante?

Sony ULT Wear

Uno dei principali punti di forza di questi Sony ULT Wear è, lo ribadiamo, il tecnologia bass boost. Questa funzione è puramente software, ma si basa sul diaframma da 40 mm e sul processore V1 integrato nelle cuffie per arricchire i bassi senza bisogno di regolazioni manuali tramite l’applicazione. Il tutto senza causare distorsioni o artefatti, come Sony ha sottolineato durante la presentazione.

L’azienda ha anche incluso un pulsante in queste cuffie che permette di passare da un livello all’altro di intensità dei bassi (chiamati impostazioni ULT 1 o ULT 2) o, d’altra parte, di escluderli completamente se vogliamo ascoltare musica con una calibrazione – diciamo – più standard.

Un dettaglio curioso – e particolarmente utile – è che, premendo il pulsante, possiamo facilmente capire in quale modalità ci troviamo grazie al suono che emette quando si passa da un livello di bassi all’altro.

Sony, invece, permette di personalizzare ulteriormente i livelli dei bassi delle impostazioni dell’ULT1 o dell’ULT 2 tramite l’app.. In effetti, l’equalizzatore dispone di diverse modalità preimpostate (potenziamento degli alti, potenziamento dei bassi, priorità alle voci, ai doppiaggi, ecc.

Sony ULT WearSony ULT Wear

Allora, è una funzione utile? La verità è che può essere molto pratica in alcune canzoni, soprattutto in quelle in cui la melodia è composta da ritmi forti. È il caso della canzone “bad idea right?” di Olivia Rodrigo, che inizia con alcuni ritmi di batteria e basso. Attivando la modalità ULT, questi vengono potenziati in modo considerevole – ancora di più con l’impostazione ULT 2 – e si mantiene un’ottima calibrazione del resto degli elementi della canzone, compresa la voce dell’artista.

LEGGI  OpenAI vi permetterà di creare (e condividere) le vostre versioni di ChatGPT.

In altri brani, invece, l’aumento dei bassi toglie più di quanto aggiunga. E non è una questione di quanto Sony abbia fatto bene o male il suo lavoro. Semplicemente, alcuni stili musicali non si adattano all’aumento dei bassi. Per questo motivo, e a mio parere, non è una funzione che vale la pena di avere sempre attiva.

Infatti, Sony ha inserito un pulsante fisico sul suo ULT Wear per rendere molto più comodo passare da una modalità di bassi all’altra, o addirittura per escludere del tutto la modalità potenziata se la canzone, ad esempio una ballata al pianoforte, non lo richiede.

La qualità del suono e la cancellazione del rumore del Sony ULT Wear

Sony ULT Wear insieme all'app Sony per controllare e regolare le cuffie.Sony ULT Wear insieme all'app Sony per controllare e regolare le cuffie.

Indubbiamente, una delle sezioni che mi ha sorpreso di più di queste cuffie Sony ULT Wear è la cancellazione del rumore. Per mezzo di spoilerIl suono è eccellente, uno dei migliori che si possano trovare in un paio di cuffie a questo prezzo.

I cuscinetti auricolari riducono passivamente una percentuale significativa del rumore esterno. E quando si attiva l’ANC, l’esperienza si spinge ancora più in là. Senza la riproduzione attiva della musica, è difficile sentire le voci e i sottili rumori di fondo. Quando la musica viene riprodotta a un volume relativamente basso, i suoni di fondo vengono completamente eliminati. Anche le voci scompaiono.

Sony ULT Wear dispone anche di un modalità audio ambientale in cui i microfoni vengono attivati per far passare il suono, in modo da poter conversare senza dover togliere le cuffie. La modalità funziona, anche se la qualità è leggermente inferiore a quella dell’audio ambientale di altre cuffie. In questo caso, la cosa più pratica da fare è semplicemente togliere le cuffie e lasciarle appoggiate sul collo; quando si fa questo, la riproduzione si interrompe automaticamente.

Tuttavia, il Sony ULT Wear non dispone di un’opzione per regolare il livello di cancellazione del rumore dall’app, sebbene sia possibile regolare il livello del suono ambientale, in modo da poter scegliere se sentire più o meno rumore.

Allora, Che ne pensate di questi dispositivi Sony ULT Wear? Dopo averle testate a fondo con brani di diversi generi – prometto di aver ascoltato molto di più dell’ultimo album di Taylor Swift -, devo dire che tutti gli elementi presenti in queste cuffie – dal driver anche i processori, fanno un lavoro fantastico su tutto lo spettro sonoro. Anche la possibilità di modificare l’equalizzazione dall’interno dell’applicazione, alterando il comportamento in base agli stili musicali o alle preferenze personali, è una caratteristica gradita.

LEGGI  Testiamo il DJI Osmo Pocket 3: un enorme miglioramento rispetto al modello precedente

Per quanto riguarda i formati audio, il Sony ULT Wear è compatibile con i seguenti codec SBC e AAC, per una riproduzione audio di alta qualità su piattaforme come Spotify. Proprio così, non supporta LDAC, il che li rende non compatibili con la riproduzione lossless (HI-FI).

Un design e una batteria che non vorrete più togliervi dalla testa.

Cuscinetti auricolari ULT di SonyCuscinetti auricolari Sony ULT

I Sony ULT Wear, realizzati in plastica e dotati di cuscinetti e fascia in similpelle altamente imbottiti, presentano una leggera modifica nel design per evitare che si sgualciscano con il passare del tempo, sono abbastanza confortevoli. Ho potuto indossarle per lunghe giornate senza problemi; non danno fastidio alla testa e l’area del cuscinetto si adatta perfettamente, anche con gli occhiali – anche se dipende dal tipo e dalle dimensioni dell’orecchio.

Le cuffie presentano anche una serie di pulsanti e porte di facile accesso. Inoltre, il padiglione auricolare destro è dotato di una superficie tattile con la quale è possibile controllare la riproduzione con una serie di tocchi.

La funzione più utile, a mio avviso, è la funzione la possibilità di abbassare o alzare il volume scorrendo rispettivamente verso il basso o verso l’alto.. Sony consente di attivare o disattivare i controlli tramite il pannello a sfioramento, ma non di personalizzarli, come invece è possibile fare con altre cuffie.

Per quanto riguarda la durata della batteria, Sony promette fino a 30 ore di autonomia con la cancellazione del rumore attivata o la modalità audio ambientale attivata, e fino a 50 ore di autonomia con queste funzioni disattivate. Si tratta di un’autonomia eccellente per un paio di cuffie di questo tipo.


Sony ULT Wear vale la pena?

Le Sony ULT Wear, disponibili al prezzo di 199 euro, sono la scelta ideale se siete alla ricerca di cuffie con una superba cancellazione attiva del rumore, un’ottima durata della batteria, un suono bilanciato e un design confortevole. Non c’è scelta migliore a questo prezzo. Si tratta, infatti, della migliore alternativa economica alle XM5 di Sony, in quanto ereditano alcune delle caratteristiche di questi modelli di fascia alta.

Tuttavia, bisogna tenere presente che esistono modelli come l’MX4 che si possono trovare su portali come Amazon a un prezzo di circa 230 euro. Sebbene queste cuffie condividano molte caratteristiche con le Sony ULT Wear, hanno alcune caratteristiche più avanzate, come il Bluetooth 5.0 o la compatibilità con LDAC, per cui potrebbe valere la pena pagare 30 euro.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *