Google crea nuove regole per garantire che i bot AI non ci uccidano

Nel dibattito sul futuro dell’intelligenza artificiale si parla molto della sua integrazione con la robotica. Google ritiene che ciò avverrà presto. Per questo motivo la sua filiale DeepMind ha presentato questa settimana una serie di metodi per addestrare questi robot. E per garantire, soprattutto, che non rappresentino un rischio per gli esseri umani.

Google DeepMind ha pubblicato i modelli AutoRT, SARA-RT e RT-Trajectory. Si tratta di tre sistemi progettati per consentire ai robot artificialmente intelligenti di prendere decisioni più rapide, migliori e sicure in un ambiente reale.

“Prima che i robot possano essere integrati nella nostra vita quotidiana, devono essere sviluppati in modo responsabile con una solida ricerca che dimostri la loro sicurezza nel mondo reale”, ha spiegato Google DeepMind in una comunicato stampa. L’azienda li ha già testati su versioni base di robot domestici.

AutoRT è un sistema di raccolta dati.. Utilizza un modello di linguaggio visivo (VLM) e un modello di linguaggio esteso (LLM) – come quelli che guidano ChatGPT o Bard – per aiutare le macchine a comprendere l’ambiente circostante e a decidere i compiti più appropriati. Inoltre, incorpora dei guardrail di sicurezza, basati su quello che Google ha chiamato “modello di sicurezza”. “Costituzione dei robot”.

Robot

Cosa dice la Costituzione per i robot artificialmente intelligenti di Google?

La “Costituzione dei robot” di Google è ispirata alla Le tre leggi della robotica di Isaac Asimov. Il suo principio fondamentale è che un robot “non può danneggiare un essere umano”. Inoltre, vieta ai robot di eseguire compiti che coinvolgano persone, animali, oggetti taglienti o apparecchi elettrici.

Il sistema AutoRT include misure di sicurezza pratiche della robotica classica. Ad esempio, configura i robot artificialmente intelligenti per si fermano automaticamente se la forza sulle loro articolazioni supera una certa soglia. In questo modo si eviterebbe di essere schiacciati. Il modello considera inoltre le macchine attive finché rimangono nella linea di vista di un supervisore umano, dotato di un interruttore fisico di disattivazione.

LEGGI  Apple conferma il peggio dell'iMac da 27 pollici

Google ha dichiarato di aver condotto test per sette mesi in quattro edifici adibiti a uffici. Ha implementato il sistema in una flotta di 53 robot e ha eseguito 6.650 compiti diversi. Alcuni robot sono stati controllati a distanza da operatori umani. Altri hanno operato sulla base di uno script o in modo completamente autonomo, utilizzando il modello di apprendimento dell’intelligenza artificiale Robotic Transformer (RT-2) dell’azienda.

Il sistema era in grado di dirigere simultaneamente 20 robot. Erano macchine di base, dotate solo di una telecamera, un braccio robotico e una base mobile.. Il sistema ha utilizzato il modello di linguaggio visivo per far riconoscere ai robot lo spazio e identificare gli oggetti. Mentre il modello linguistico di grandi dimensioni assumeva il ruolo decisionale e forniva loro un elenco di compiti da eseguire.

Registrazione dei test di Google con i robot artificialmente intelligenti.Documentazione dei test di Google con robot artificialmente intelligenti.
Documentazione di alcuni dei test condotti da Google

Immaginare il futuro

“Immaginate un futuro in cui basti una semplice richiesta al vostro assistente robotico personale – ‘riordina la casa’ o ‘preparaci un pasto delizioso e sano’ -“, ha spiegato Google sul suo blog.

Google DeepMind ha anche presentato SARA-RTun’architettura di rete neurale progettata per rendere il suo modello di trasformatore robotico RT-2 più preciso e veloce. E ha annunciato RT-Traiettoriache aggiunge contorni 2D e aiuta un robot artificialmente intelligente a eseguire compiti fisici specifici, come sparecchiare un tavolo. “Prevediamo un futuro in cui questi modelli e sistemi possano essere integrati per creare robot”, ha dichiarato l’azienda.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *